martedì 10 aprile 2018

Ritrovamenti fossili ci dicono della diffusione dell'homo sapiens molto rapida in Africa.

La scoperta di un osso di 85.000 anni fa in Arabia Saudita, suggerisce che l'Homo sapiens si era diffuso dall'Africa, molto prima di quanto non si immagini. 

http://www.ox.ac.uk/news/2018-04-09-ancient-bones-suggest-first-humans-travelled-further-we-thinkUn osso di dito, trovato nel deserto del Nefud in Arabia Saudita, suggerisce che l'Homo sapiens aveva già raggiunto l'interno della penisola 85.000 anni fa, secondo uno studio pubblicato lunedì su Nature Ecology & Evolution. Il fossile è stato scoperto nel 2016. 

L'Homo sapiens, chiamato anche uomo moderno, è apparso in Africa più di 300.000 anni fa. Si è pensato a lungo che abbia lasciato 'la sua culla' solo molto più tardi, circa 60.000 anni fa. 

Ma negli ultimi anni, le scoperte, come quella annunciata lunedì, mettono in dubbio questa teoria. Secondo questo recente studio, l'osso che 'apparteneva innegabilmente a un uomo moderno' avrebbe almeno 85.000 anni, forse anche 90.000 anni. 

La scoperta implica che 'la nostra specie si era dispersa fuori dall'Africa molto prima di quanto si pensasse in precedenza', afferma Huw Groucutt dell'Università di Oxford, co-autore dello studio. Con una lunghezza di soli 3,2 centimetri, il fossile, probabilmente l'osso medio di un maggiore, è stato scoperto nel 2016. 

Per definire la sua età, Huw Groucutt e il suo team hanno usato la datazione radiometrica, misura della variazione regolare nel tempo degli elementi radioattivi. Si dice che questo osso sia il più antico fossile di Homo sapiens 'scoperto' al di fuori dell'Africa. 

'Ci sono state molteplici dispersioni di esseri umani fuori dall'Africa, il movimento migratorio e la colonizzazione dell'Eurasia sono stati molto più complessi di quanto dicano i nostri libri di testo', dice Michael Petraglia, del Dipartimento di Evoluzione umana al Max Planck Institute in Germania, coautore. 

Secondo la teoria dominante, l'Homo sapiens ha lasciato l'Africa in una grande ondata migratoria 60.000 anni fa, lungo la costa est del Mar Mediterraneo. Ma questo dito mostra 'che gli umani moderni si muovevano nella terra dell'Eurasia, ma non lungo la costa', dice Michael Petraglia.

Nessun commento: