sabato 24 febbraio 2018

Sul nostro pianeta non ci sono più cavalli allo stato selvaggio.

Quelli che credevamo fossero gli ultimi cavalli in natura erano in realtà animali domestici che erano sfuggiti ai loro proprietari. 

https://it.wikipedia.org/wiki/Equus_ferus_przewalskiiI ricercatori hanno annunciato giovedì che non ci sono più cavalli selvaggi sulla Terra. Questa scoperta piuttosto inquietante si basa su una nuova analisi del DNA che ridisegna l'albero genealogico della famiglia di questi equini. 

Si è scoperto che coloro che sono stati creduto di essere gli ultimi cavalli allo stato brado del nostro pianeta, i cavalli di Przewalski, erano in realtà animali addomesticati che sfuggivano dai loro proprietari, secondo lo studio pubblicato sulla Rivista Science

'É stata una grande sorpresa', ha detto Sandra Olsen, co-autrice dello studio e curatrice presso l'Istituto di Biodiversità del Museo di Storia Naturale dell'Università del Kansas. 'Significa che non ci sono più cavalli selvaggi sulla Terra, e tutto ciò è triste'. 

Lo studio si basa su ricerche archeologiche condotte in due siti nel nord del Kazakistan, e Botai Krasnyj Yar, dove gli scienziati hanno trovato prove certe dell'addomesticazione di quel cavallo da più di 5000 anni. 

Ricercatori internazionali hanno sequenziato il genoma di venti cavalli Botai, come quello dei denti e delle ossa esumate sui siti. Confrontando i genomi già noti di cavalli antichi e moderni, gli scienziati hanno scoperto che i cavalli di Przewalski discendevano in realtà cavalli Botai, la specie equina addomesticata più antica conosciuta. Questa inaspettata scoperta significa che i cavalli di Przewalski all'origine non erano selvaggi. 

Queste rivelazioni sono 'super interessanti', ha detto Shapiro, docente di ecologia e biologia evolutiva presso l'Università della California a Santa Cruz. La signora Shapiro, non coinvolta nello studio, ha aggiunto: "Sostituire la parola 'selvaggio' con 'naturale' è un cambiamento semantico meglio riflette il loro sviluppo storico, ma non dovrebbe cambiare il loro status. Dovremmo continuare a proteggere i cavalli di Przewalski come una popolazione di cavalli selvaggi". 

L'equino di Przewalski è una specie in via di estinzione secondo l'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN). Scoperto nel XIX secolo in Mongolia dall'esploratore russo Nikolai Przewalski, questa specie ha improvvisamente registrato una forte popolarità in Europa, così che i cavalli sono stati massivamente catturati per rifornire gli zoo del vecchio continente. 

Diversi programmi di reintroduzione sono stati messi in atto da quando la specie si è estinta in natura negli anni '60.

Nessun commento: