giovedì 4 gennaio 2018

Il limite dei 2° C degli accordi di Parigi non sarà sufficiente.

Un nuovo studio mette in guardia sui rischi di desertificazione di gran parte del pianeta, anche se si rispettasse la soglia stabilita dall'Accordo di Parigi. 
https://www.nature.com/articles/s41558-017-0034-4
Almeno un quarto della superficie terrestre diventerebbe 'considerevolmente' più secco anche se l'obiettivo di mantenere il riscaldamento sotto i 2° C fosse raggiunto. Questo è indicato in uno studio pubblicato lunedì. 

Solo se l'umanità riuscisse a contenere il riscaldamento a meno di 1,5° C, questa 'aridificazione' verrebbe risparmiata a due terzi del terreno interessato dallo scenario a 2° C, secondo questo studio pubblicato sulla rivista Nature Climate Change

L'accordo di Parigi sul clima, firmato nel 2015, mira a contenere l'aumento della temperatura al di sotto della soglia critica di 2° C rispetto all'era preindustriale, cioè 1,5° C. 

Se fosse raggiunto l'obiettivo di 1,5° C, parti dell'Europa meridionale, l'Africa meridionale, l'America centrale, la costa australiana e il Sud-est asiatico (aree che ospitano oggi più del 20% della popolazione mondiale) 'eviterebbe un'aridificazione significativa', dice uno degli autori dello studio, Su-Jong Jeong, dell'Università di Scienza e Tecnologia di Shenzhen, in Cina. Lo studioso dice che 'Raggiungere 1,5° C sarebbe un'azione significativa per ridurre la probabilità di aridità e gli effetti ad essa associati', ha detto. 

Quando la terra diventa più asciutta, il degrado del terreno e la desertificazione accelerano, così come la perdita di biodiversità, in particolare le piante e gli alberi necessari per assorbire la CO2, responsabile dei cambiamenti climatici. Per non dire che l'aridificazione alimenta anche la siccità e gli incendi. 

Gli scienziati che hanno condotto lo studio si sono basati sulle proiezioni di diversi modelli climatici. Secondo loro, con un aumento delle temperature di 2° C - che potrebbe accadere tra il 2052 e il 2070 - tra il 24% e il 32% della superficie terrestre diventerebbe più arida. 

Questo non significa che queste aree diventerebbero desertiche, ma semplicemente più asciutte di oggi. Tutte le categorie climatiche sono interessate, dalle zone umide alle zone iper-aride. 

Ma se l'obiettivo di 1,5° C fosse raggiunto, solo l'8-10% della terra diventerebbe più secca, dice Su-Jong Jeong. 

Secondo l'accordo di Parigi, gli stati sono impegnati a ridurre le loro emissioni di gas serra. Ma sulla base di questi impegni nazionali, il pianeta sta ancora viaggiando verso i 3° C. 

Già un aumento inferiore a 1° C, come registrato finora, è stato sufficiente a causare più precipitazioni, il restringimento del ghiaccio marino o l'aumento del livello medio degli oceani. 

Nessun commento: