giovedì 20 luglio 2017

Gli olii essenziali e l'economia. Dalla terra fioriscono reddito e occupazione.

In Ruanda, l'agricoltura rappresenta il 31% del PIL, ma impiega l'80% della popolazione. Negli ultimi anni, il paese, punta sugli oli essenziali. 
http://www.ikirezi.com
Sotto una specie di hangar nel sud-est del Ruanda, Nicholas Hitimana brandisce un contenitore di plastica contenente un precipitato verde: l'olio essenziale di geranio appena distillato in un imponente alambicco, sarà esportato e venduto per più $200 al chilo. 

Pioniere degli oli essenziali in Ruanda, Nicholas Hitimana dice di aver coltivato da più di 10 anni "l'interesse per lo sviluppo di colture ad alto valore aggiunto" in una nazione collinare di 26.000 chilometri quadrati (un quinto della Val d'Aosta) e, relativamente, "con poca terra coltivabile", anche se l'agricoltura rappresenta il 30% del PIL e occupa l'80% della popolazione. 

Lui dice che "Su un ettaro, se crescono i fagioli, si guadagnano circa $2.000 all'anno, mentre sulla stessa superficie, se si fa crescere il geranio, il reddito può salire a 6.000 o anche $8.000". 

Questo signore, agronomo di formazione, interpreta l'ambizione ruandese di diversificare l'agricoltura e aumentare il valore delle sue esportazioni, in particolare posizionandosi nel mercato globale redditizio degli oli essenziali, importa dal 2004 gerani dal Sud Africa. 

La pianta era precedentemente sconosciuta in Ruanda, ma Nicholas Hitimana era convinto che la filiera aveva "un grande potenziale". "In Sud Africa, non ci possono essere che due raccolti all'anno. Ma qui, dove non v'è alcun inverno, è possibile spingersi fino a quattro raccolti l'anno", racconta. 

Fin dalla sua nascita, l'azienda Ikirezi Natural Products ha diversificato la sua produzione. Con 25 ettari di piantagioni, produce anche oli essenziali di patchouli, citronella, eucalipto. 

Dopo un inizio difficile, la società di Nicholas Hitimana ora produce una tonnellata di oli essenziali all'anno, utilizzati nel settore dei profumi ed esportati in Sud Africa, Canada e Stati Uniti in particolare. L'imprenditore impiega più di 70 agricoltori. "All'inizio non è stato facile convincerli ad abbandonare l'agricoltura di sussistenza per quella commerciale" e pretendere di più, ricorda l'imprenditore. "bisogna piantare in tempo, mettere il concime in tempo, zappare, zappare, irrigare e raccogliere in tempo", per non rischiare di far cadere le performance "drasticamente", aggiunge e sottolinea anche che ci vogliono tra i 600 chili e una tonnellata di geranio per produrre un chilo di olio essenziale. 

Pochi anni dopo, grazie ad un sistema di retribuzione che comprendeva dei premi di produzione, i dipendenti sembra si siano convinti. "Da quando lavoro qui, ho potuto costruirmi una casa con un tetto di lamiera, posso pagare le tasse scolastiche per mio figlio e comprare tutto quello che serve", spiega Stéphanie Mukamana, 55 anni, mentre estirpa le erbacce che circondano un piede di geranio. 

Nel 2016, il Ruanda ha esportato circa 14 tonnellate di oli essenziali - geranio, moringa, patchouli e calendula - riportando un incremento di 473.000 dollari gli introiti relativi al settore, secondo l'Ufficio nazionale per lo sviluppo delle esportazioni agricole (Naeb). Come segno della sua volontà di diversificazione, il Ruanda sta anche coltivando piretro, in un impianto per la fabbricazione di insetticidi naturali

Secondo il centro di analisi del mercato Market Research Future (MRFR), gli oli essenziali sono sempre più popolari nei paesi cosiddetti "sviluppati" e sono usati nei cosmetici, nei prodotti alimentari e farmaceutici. Il volume del mercato globale per gli oli essenziali dovrebbe aumentare del 7% tra 2017 e 2022, garantisce l'MRF. Per guadagnare la sua fetta di torta, il Ruanda si è dotato nel 2014 di un laboratorio, il primo del suo genere nella regione, che gli permette di testare la qualità dell'olio prodotto e garantire che soddisfi gli standard internazionali. 

"Una delle sfide principali che il Ruanda si trova ad affrontare è un deficit commerciale in crescita e un numero limitato di imprese competitive in grado di soddisfare gli standard regionali e internazionali per le esportazioni", spiega Patience Mutesi, direttrice del programma del Ruanda per la TradeMark East Africa (TMEA) un'organizzazione regionale che promuove il commercio in Africa orientale e che ha sostenuto finanziariamente il governo ruandese in questo progetto. 

Questo laboratorio "permetterà alle aziende ruandesi l'accesso a nuovi e redditizi mercati (...), rafforzando la fiducia dei consumatori nella qualità dei prodotti del Rwanda" dice Mutesi. 

Seduto di fronte a un nuovo cromatografo in laboratorio, a Kigali, un funzionario della standardizzazione del Rwanda, dice: "Non possiamo competere in termini di volume di esportazioni, ma lo possiamo in termini di qualità" e conclude: "Questo è il motivo per cui stiamo lavorando duramente per assicurare che i nostri prodotti soddisfino gli standard richiesti. Per essere competitivi e ottimizzare i ricavi dalle nostre esportazioni". 

Nessun commento: