lunedì 5 giugno 2017

In carcere per aver mangiato in pubblico durante il Ramadan.

Quattro condanne inflitte per la condivisione di un pasto in un giardino pubblico durante il Ramadan. 

http://www.dailymail.co.uk/wires/afp/article-4562928/Tunisians-jail-terms-eating-Ramadan.htmlGiovedì quattro tunisini sono stati condannati ad un mese di carcere per "atti osceni" dopo aver mangiato in un giardino pubblico nel sacro mese di digiuno musulmano del Ramadan, secondo un comunicato del tribunale di Biserta. 

Questa condanna arriva dopo che un gruppo di ONG aveva invitato le autorità a "rispettare il dovere costituzionale di garantire la libertà di coscienza" e un invito a protestare l'11 giugno, lanciato dai social network, per difendere il non-digiuno e reclamare il rispetto delle libertà individuali. 

Nessuna legge vieta di mangiare o bere in pubblico durante il Ramadan in Tunisia ma il dibattito su questa questione si ripete ogni anno. La Costituzione tunisina garantisce la "libertà di credo e di coscienza", ma lo stato è anche descritto come "custode della religione". 

I quattro uomini "hanno scelto un giardino pubblico per mangiare e fumare, un atto provocatorio durante il mese del Ramadan .... Per questo, la Corte distrettuale di Biserta li ha condannati a un mese di carcere", come riferisce Chokri Lahmar, portavoce della procura. 

"Sono in stato di libertà e, se non fanno appello, entro dieci giorni, saranno applicate le sentenze", ha detto Lahmar. 

Il Procuratore Generale del tribunale di prima istanza a Biserta, Mongi Boulares, da parte sua, ha riferito che i quattro avevano fatto adirare, mangiando e fumando in giardino, i cittadini, che avevano sollecitato l'intervento delle forze di sicurezza. 

"Il loro atto è provocatorio e mina la moralità", ha detto Boulares. "Se hanno scelto di non digiunare, potevano mangiare in un altro luogo, lontano dalla vista e cercando di non diffondere l'odio tra le persone", ha aggiunto. 

In Tunisia, la maggior parte dei bar e ristoranti si fermano, nei giorni durante il Ramadan. Quelli che rimangono aperti lo fanno con discrezione, alcuni allineano i loro giornali sulle finestre per evitare che i loro clienti siano visti dall'esterno. 

Un predicatore mediatico ha scatenato polemiche in questi ultimi giorni, visitando i caffè aperti durante il giorno per filmare i clienti e calunniarli. 

Nel 2015, quattro agenti di polizia erano stati licenziati per "abuso di potere", dopo essere intervenuti nei caffè aperti prima della conclusione del digiuno. 

Nessun commento: