domenica 19 marzo 2017

Poco compresa, la cellulite, non è una malattia.

L'argomento è di quelli che angosciano molte persone, se ne parlava, ancora una volta, tra un caffé e un prosecco, al bar, in una conversazione annoiata e vivace, a fasi alterne. 

Legata alla scarsa distribuzione del grasso, la buccia d'arancia ha ancora cause poco chiare. Contrariamente alla credenza popolare, non è legata allo stress o al peso, ma a fattori genetici. 
http://www.bbc.com/news/entertainment-arts-38521025Glamour Magazine cover featuring Lena Dunham and the cast of Girls
Mostrando la sua cellulite sulla copertina della famosa rivista GLAMOUR, Lena Dunham, attrice, sceneggiatrice, regista e femminista ha voluto fare un outing da militante. Lo scrive nel suo spazio Istagram. Forse riuscirà, così, ad attutire i complessi di molte donne che, invece, cercano di nascondere la pelle d'arancia delle loro cosce o braccia, considerate sgradevoli. 

Si tratta di una questione di giudizio e di sentimenti personali, ma parlando dal punto di vista medico, possono essere rassicurate. "La cellulite non è una malattia", spiega Bahram Shahidi, specialista in chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica. La "lipodistrofia superficiale" (dal greco che significa lypo grasso, disfunzione - disordine - e TROPHE - alimentare), come i medici la chiamano, cambia l'aspetto della pelle, ma non influenza la salute e non provoca alcuna complicazione fisiologica. 

Il derma, strato intermedio della pelle, contiene le cellule di grasso, che sono divise in piccole "stanze", e cellule di fibroblasti. Questi sintetizzano collagene, che forma una rete di fibre elastiche utilizzate a sostegno della struttura. 'È un po' la spina dorsale della struttura stessa. Il grasso che si trova all'interno si adatta alle forme dei contorni'. La cellulite proviene in realtà da 'un cambiamento nella distribuzione delle cellule adipose relativo ai tessuti circostanti'. Raggruppandosi, queste cellule creano irregolarità visibili sulla superficie della pelle che sembra, soprattutto quando pizzicata, a quella di un arancia. 

Il fenomeno si verifica principalmente sui lati dei fianchi, cosce e ascelle. Tuttavia, sembra, raramente sul viso o sul seno e non è appare sul collo se non quando il sovrappeso crea un doppio mento. 

Se la cellulite spesso monopolizza le riviste femminili, non è un caso. Si manifesta molto più nelle donne che negli uomini, nessuno capisce veramente perché. in ogni caso, sappiamo che "il grasso non è distribuito equamente tra i rappresentanti di entrambi i sessi", dice la scienza. Cambiamenti o squilibri ormonali giocano anche un ruolo. Questo è il motivo per cui durante la pubertà o quando si hanno disturbi ormonali, alcuni uomini possono anche essernee colpiti. 


Per quanto riguarda le cause della cellulite, diverse indizi ci dicono che sono genetiche. Sovrappeso o stress non sono molto influenti. 

Per quanto riguarda la prevenzione, ma anche quando la cellulite è già presente, il medico consiglia di "idratare regolarmente, dando una maggiore consistenza". 

Resta il fatto che una volta che si è installata, la superficie tipica della pelle con lipodistrofia non scompare. Il fenomeno "non è reversibile e non esiste un trattamento miracoloso". 

Tuttavia, ci sono vari metodi per migliorare la situazione. La loro scelta dipende dalla qualità della pelle umana, età, peso e parti del corpo interessate. 

Per ridurre la quantità di depositi di grasso, una soluzione è quella aspirare con liposuzione, una tecnica chirurgica che taglia fuori anche le armature di collagene. È anche possibile sciogliere il grasso riscaldandolo, utilizzando frequenze ultrasoniche o radio o, al contrario, la Criolipolisi (raffreddamento). 

"Ogni tecnica ha i suoi vantaggi e limiti, ed è per questo che è importante che le donne siano ben informate per evitare possibili delusioni", dice lo specialista. Come ogni intervento chirurgico, la liposuzione non è senza rischi; può portare ad emorragie, infezioni o, in rari casi, un'embolia. Per quanto riguarda i trattamenti non invasivi, possono potenzialmente causare ustioni, così come i cambiamenti nella pigmentazione e la consistenza della pelle. Lena Dunham non preoccuparsi a questo proposito (❤️ Love you all), dal momento che ha deciso di mantenere la sua pelle a buccia d'arancia, rivendicandone la scelta. 

Nessun commento: