lunedì 16 gennaio 2017

Preoccupante la politica sulla privacy di Instagram. Fate molta attenzione!

Accettare i termini e le condizioni di utilizzo è la prima cosa che i 600 milioni di utenti di Instagram hanno fatto la prima volta che si sono connessi. Spesso senza sapere quello che hanno promesso. 
https://www.washingtonpost.com/news/parenting/wp/2017/01/08/a-lawyer-rewrote-instagrams-terms-of-use-in-plain-english-so-kids-would-know-their-privacy-rights/?utm_term=.9cf967515ba3
Gli utenti di Instagram non leggono molto alcuni termini e condizioni di utilizzo che si accettano al momento dell'iscrizione. Questo è il risultato di uno studio condotto dal gruppo di lavoro Growing Up Digital e pubblicato dall'Agenzia britannica Children's Commissioner. Tra gli "Instagramers" un terzo è formato da minori adolescenti che "involontariamente disperdono dati personali, senza realmente capire chi possa accedervi, dove vengano memorizzati e come possano essere utilizzati", ha spiegato al Washington Post Jenny Afia, un'avvocatessa di Londra che ha partecipato allo studio. Rivolgendosi all'attenzione di questo giovane pubblico, ha sintetizzato le regole di partecipazione dell'applicazione al momento dell'iscrizione in pochi paragrafi scritti semplicemente: 

"Voi siete i proprietari delle foto e dei video che pubblicate, ma ne consentite l'uso e lasciate che altri altrettanto lo facciano, in tutto il mondo. ....
Noi possiamo conservare, usare e condividere i vostri dati personali con le società collegate a Instagram. Queste informazioni includono il tuo nome, indirizzo email, la vostra scuola, la casa, le immagini, il numero di telefono, le vostre simpatie e antipatie, località, amici, la frequenza di utilizzo dell'applicazione e qualsiasi altra informazione personale venga trovata, come il tuo compleanno e le persone con cui si scambiano, inclusi i messaggi privati". 

Dopo aver letto questo, gli adolescenti intervistati da The Washington Post erano molto sorpresi e preoccupati. "Penso che questo dovrebbe essere visto da tutti gli utenti di Instagram che desiderano iscriversi e non sanno a cosa si espongono", ha detto una ragazza di 13 anni al quotidiano americano. Tale esercizio sarebbe utile anche per molti adulti che, quando hanno il loro smartphone in mano, dimenticano di preoccuparsi della riservatezza dei loro dati. 

Nessun commento: