martedì 20 dicembre 2016

I virus sono più clementi con le donne.

Uno studio pubblicato martedì scorso dimostra che i virus colpiscono i due sessi in modo diverso per una migliore diffusione. 

https://www.royalholloway.ac.uk/aboutus/newsandevents/news/2016-articles/evolution-of-an-illness-viruses-may-target-men-and-women-differently.aspx8x300Alcuni virus possono evolversi e adattarsi in modo da causare malattie meno gravi e un minor numero di decessi tra le donne piuttosto che tra gli uomini. Questa strategia permetterebbe di diffondersi e sopravvivere meglio, dice lo studio. 

La mortalità per malattie infettive, spesso più elevata negli uomini che nelle donne, è stata storicamente attribuita a differenze di meccanismi di difese immunitarie. I ricercatori, Francisco Ubeda e Vincent Jansen della Facoltà di Scienze Biologiche presso la Royal Holloway University di Londra, forniscono spiegazioni ulteriori sulla rivista Nature Communications

Rendere meno grave la malattia tra le donne ricade in una strategia di sviluppo di successo per un virus, dal momento che gli forniscono ulteriori opportunità di trasmissioni rispetto agli uomini (trasmissione al figlio durante la gravidanza, la nascita e l'allattamento al seno). 

Gli autori hanno considerato il caso di un virus, HTLV-1 (T lymphotropic umano virus-1), che può causare la leucemia negli individui infetti. Gli autori sostengono l'adattamento della virulenza dei patogeni, meno aggressiva nel sesso femminile, spiegata dai cambiamenti osservati in HTLV-1 e la forma di leucemia indotta in diverse popolazioni. 

Per esempio, non vi è alcuna differenza tra l'infezione e l'incidenza di leucemia, a causa di questo virus, tra i sessi nei Caraibi. Mentre, questo tipo di leucemia è più comune negli uomini che nelle donne in Giappone, dove una più alta percentuale di madri allattano i loro figli, e più a lungo, rispetto alle donne dei Caraibi. 

Ad esempio, l'infezione è da 2 a 3,5 volte più probabile che progredisca e diventi pericolosa per i giapponesi più che nelle donne giapponesi. É stato già osservato che gli uomini e le donne reagiscono in modo diverso alla malattia, ma anche i "virus si sono evoluti in modo diverso nell'attaccare i sessi", dice il professor Vincent Jansen.

Nessun commento: