mercoledì 5 ottobre 2016

Ha successo il turismo tra le rovine della guerra.

In Somalia, si assiste allo strano successo del turismo tra le rovine della guerra civile. Devastata da due decenni di guerra civile, la Somalia si sta riprendendo lentamente.
http://qz.com/763710/world-tourism-day-tourists-are-flocking-to-somalia-to-see-the-ruins-of-a-two-decade-civil-war/
Questa destinazione non esiste nel catalogo di Lonely Planet, specializzato in guide turistiche e molto ricco di opportunità. Dal 1991 devastata dalla guerra civile, la Somalia è diventata negli anni una "no go zone" per gli occidentali. Secondo il Global Peace Index 2015 (potete consultarlo per non avventurarvi alla cieca), che misura il livello di sicurezza di uno stato, la Somalia è alla 157° posizione di un elenco di 162, proprio davanti a Siria, Afghanistan, Repubblica Centrafricana, Sud Sudan e Iraq. Gli Shebab, un gruppo jihadista che aveva giurato fedeltà ad Al Qaeda, esegue attacchi mortali contro le forze di pace delle Nazioni Unite e le truppe governative. 

Ma, come indica il sito di notizie Quartz, il governo di Mogadiscio ora sta cominciando a trarre profitti dalla sua storia valorizzando il "turismo di guerra", mentre la situazione sta gradualmente migliorando nella capitale e nei suoi dintorni - per la prima volta un segretario di stato americano, nella persona di John Kerry, ha visitato il paese nel 2015

Se non ci sono statistiche sul numero di viaggiatori che visitano il paese, l'Associazione per il Turismo somalo ha cercato per quattro anni di rifare il look al Corno d'Africa presentandolo come una destinazione attraente: "La Somalia offre ai turisti una vasta gamma di esperienze, come bellissime spiagge bianche, cascate, sorgenti termali, bird watching, crociere fluviali o i danni causati dalla guerra civile e classificati come mete di 'turismo oscuro' ", rileva l'Organizzazione mondiale del Turismo delle Nazioni Unite. 

Questo "Dark Tourism" esiste in molti luoghi in tutto il mondo, come le visite organizzate al sito della ex centrale nucleare di Chernobyl. 
 
Tuttavia, per visitare il paese con un visto turistico non è permesso a nessuno. Un sito turistico britannico dice a Quartz di essere stato colà tramite la società Untamed Borders, un'agenzia di viaggi britannica specializzata nell'accompagnare i viaggiatori fuori dai sentieri battuti (questo è il minimo che è possibile dire), del Kashmir e Afghanistan. "Durante il loro viaggio, i clienti sono scortati da personale di sicurezza di alto livello, interprete e guida", dice Quartz. 

Nessun commento: