lunedì 5 settembre 2016

Regole, fine del tabù.

Metà della popolazione del pianeta è strettamente interessata all'argomento. Fonte di disuguaglianze economiche, sociali e sanitarie. Eppure è raramente discusso, anche in privato ... É tempo di parlare delle regole. 

https://twitter.com/Newsweek/status/722735031534297088/photo/1?ref_src=twsrc%5EtfwCominciamo con l'ovvio: ogni donna nella storia del genere umano ha - o ha avuto - regole. Ogni mese, l'utero scarica una porzione del rivestimento uterino [endometrio] di sangue che scorre attraverso la vagina (a meno che la gravidanza non sospenda il processo per alcuni mesi). É come un fenomeno naturale, come mangiare, bere o dormire, senza il quale l'uomo non esisterebbe. Ma questo è un argomento di cui alla maggior parte di noi non piace discutere. 

Quando hanno la loro prima mestruazione, le ragazze intraprendono un lungo viaggio di silenzi e apprensioni. Le regole sono dolorose. Causano dolore alla schiena e crampi addominali, per non parlare del vortice emotivo che scatenano, questo, ogni mese per trenta o quarant'anni. In pubblico, si parla di regole come una specie di diarrea. Le donne nascondono i loro tamponi o assorbenti quando vanno in bagno, in modo che nessuno sappia che "gli Inglesi sono sbarcati". Possono macchiare il loro abbigliamento o si ritrovano ad improvvisare con la carta igienica quando prese alla sprovvista. In televisione, però, non vi è nulla di tutte queste trepidazioni. Passate al filtro della pubblicità, le regole diventano cascate di liquido blu che rimbalza sulle superfici bianche e morbide nella più grande indifferenza per le donne troppo occupate a correre in jeans attillati e immacolati. 

Nel 1978, Gloria Steinem, fu attivista femminista della prima ora. Alcuni anni fa rispose alle domanda che tante donne si ponevano: "Cosa succederebbe se, all'improvviso, fossero gli uomini ad avere le regole e non le donne" per Gloria Steinem la risposta è ovvia: le mestruazioni sarebbero diventate una caratteristica invidiabile, virili e motivo di orgoglio. Gli uomini sarebbero lusingati per l'abbondanza o la durata delle loro regole "le mestruazioni sarebbero un invidiabile evento mascolino di cui vantarsi. Gli uomini le sparerebbero grosse su durata e quantità. La prima mestruazione sarebbe festeggiata da rituali religiosi e feste tra amici" (pub. 2009 Trad. Maria Di Rienzo).

Quasi quarant'anni dopo, l'articolo, fa ancora il suo effetto. Abbiamo fatto pochi progressi in termini di "uguaglianza mestruale" (Newsweek). In una maggioranza di stati americani, tamponi e assorbenti igienici sono soggetti alle imposte, mentre pannolini per adulti, Viagra e patatine sono esenti. A scuola, le ragazze sono costrette a presentarsi nell'infermeria per richiedere un pannolino o un assorbente, come se le regole fossero una malattia, piuttosto che una funzione naturale; disporre di prodotti per l'igiene: è un diritto fondamentale. 

Nella maggior parte dei luoghi pubblici o privati, le donne possono considerarsi fortunate se trovano un vecchio distributore per l'acquisto di qualcosa di più confortevole di una palla di carta o di una carta igienica ruvida. La situazione è ancora più catastrofica nelle prigioni o per donne senza fissa dimora. Che dire delle donne che vivono in paesi in via di sviluppo? I tabù, la povertà, la mancanza di servizi igienico-sanitari, la mancanza di informazione, di educazione e il silenzio della cultura creano un ambiente in cui alle donne ed alle bambine viene negato un diritto fondamentale: quello di avere prodotti sicuri per l'igiene, poco costosi e lo spazio per prendersi cura di se stesse. 

Secondo un rapporto dell'Unicef ​​e dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) pubblicato nel 2015, almeno 500 milioni di donne nel mondo non avrebbero i mezzi materiali per gestire le proprie regole con dignità. Nelle zone rurali dell'India, una su cinque bambine non va a scuola dopo l'inizio delle sue regole, riporta uno studio condotto da Nielsen e la ONG Plan India. Per i 355 milioni di donne e ragazze pubescenti in questo paese, solo il 12% disporrebbe di assorbenti ad uso sanitario. "Le regole ed i problemi collegati non fanno morti, ma a mio parere sono estremamente importanti perché influenzano la stima che le ragazze hanno di se stesse e la fiducia, la fiducia è la chiave di tutto" dice Venkatraman Chandra-Mouli, ricercatore dell'l'OMS e specialista in salute degli adolescenti fino a venti anni.

Dal sito GruppoMacro, stralcio: 

Le regole sono descritte da molte espressioni colorite: 

“le mie cose”, 

“quei giorni”, 

“i parenti in visita”, 
“il marchese”, 
“la luna” , fino al più macabro 
“mare rosso” o 
“profondo rosso”. 

Esiste nel Museum of Menstruation addirittura un dizionario mondiale delle mestruazioni, dove sono raccolte espressioni tipo:
“arrivano gli inglesi”, 
l’americano “zia Martha o zia Rosie”, 
“il tempo della cioccolata”, 
l’australiano “gli imbianchini in casa”, 
il canadese “umore mensile”, 
il ceco “fenomeno delle fragole” 
o il finlandese “giornate del mirtillo rosso”. 
______________

Nessun commento: