martedì 13 settembre 2016

L'improbabile odissea umana nel Black Rock Desert. L'utopia temporanea del burning man..

https://it.wikipedia.org/wiki/Burning_Man
Mettiamo i puntini sulle "i"; Burning Man è il Festival della improvvisazione, dell'immediatezza, dell'incomprensibile, dell'indescrivibile, dell'incongruo ... É tutto irreale? Quasi, quando sappiamo che decine di migliaia di persone si danno appuntamento nella effimera Black Rock City, che diventa una delle città più popolate nel Nevada, ma non vive che per la settimana del Festival. Road to Burning Man, che celebra la creatività e l'espressione personale, forse da vedere almeno una volta nella vita ... 

Durante il solstizio del 1986, due amici, Larry Harvey e Jerry James, portarono una sorta di scultura su una spiaggia a San Francisco e la fecero bruciare di fronte a una piccola folla di una ventina di persone che si era lì radunata. É Larry che 'celebra' il suo divorzio e l'uomo che sta bruciando simboleggia il suo rinnovarsi, come l'araba fenice che risorge dalle ceneri a nuova vita ... 

Era nato il concetto di Burning Man. L'anno seguente, c'erano 80 persone, l'anno dopo 200, nel 93 1.000, 10.000 nel 97, 10 anni dopo 47.000 e nel 2014 65.000. Dal 1995 il biglietto d'ingresso è passato da poche decine di dollari a circa 300 di oggi e un tema viene introdotto ogni anno. 

I burners (bruciatori) si sono già ritrovati sull'argomento della fertilità, del cielo, del corpo o delle sette ere. Un'agenda ampia alla ricerca di un costume appropriato e, quindi, non è raro che tutti alla fine siano tutti nudi. 

Per una settimana i geni creativi dei 4 angoli del mondo costruiscono carri e sculture, che poi bruciano dopo il tramonto. La festa si conclude con il falò della più grande creazione, il "Burning Man", che conta circa 50.000 fedeli, l'ultimo giorno del Festival. 

Il resto del tempo, dei DJ di fama fanno da sfondo e, a volte, sono a malapena notati in questa città che non dorme mai. Una epopea fisica e sensoriale, pertanto, dove tutti i sensi sono in subbuglio e pieni di contenuti esotici eterogenei ... Bisogna vedere per credere. 

Scopriamo l'edizione 2016 e le sue imponenti strutture in un video hyperlapse abbastanza surreale! Mark Day è il fotografo che ha colto l'occasione per catturare quest'anno Burning Man, questo festival folle si tiene ogni anno dal 1990 nel Black Rock Desert in Nevada. Troverete anche, più sotto, un secondo video firmato Jesse Clark. 

La leggenda ci racconta che le ceneri di David Bowie siano state affidate al vento tra le sabbie del deserto durante l'edizione di quest'anno dal figlio Duncan (lui smentisce ma tutti hanno bisogno di crederci). 

Nessun commento: