domenica 11 settembre 2016

La morte è nell'aria. La polluzione secondo la Banca mondiale

Un decesso su dieci è dovuto all'inquinamento atmosferico. Uno studio pubblicato giovedi dimostra che il degrado della qualità dell'aria uccide sei volte più della malaria. 
http://www.worldbank.org - The effects of air pollution in Vietnam. © Flore de Preneuf/World Bank

L'inquinamento atmosferico è diventato il quarto fattore della morte prematura in tutto il mondo. Lo rivela un rapporto della Banca Mondiale, aggiungendo che provoca una perdita per il mondo di centinaia di miliardi di dollari nell'economia. 

L'inquinamento dell'aria nell'ambiente ha ucciso 2,9 milioni di persone nel 2013, secondo gli ultimi dati rilasciati giovedi in un rapporto dell'istituto di sviluppo. Se si aggiungono gli effetti dell'inquinamento in casa, compreso l'uso di combustibili solidi per il riscaldamento e la cottura, il bilancio delle vittime è pari a 5,5 milioni. 

Le malattie causate da inquinamento atmosferico (malattie cardiovascolari, cancro ai polmoni, malattie polmonari croniche, infezioni respiratorie) sono responsabili di un su dieci decessi in tutto il mondo, sei volte più che la malaria. L'87% della popolazione del pianeta è più o meno esposto all'inquinamento. 

Queste perdite sono anche le conseguenze di carenze in termini di reddito e di barriere allo sviluppo economico, secondo i calcoli della Banca Mondiale. Così, lo studio stima che le perdite di reddito del lavoro attribuibili a queste morti sono state pari a circa 225 miliardi di dollari nel 2013. Più in generale, tale inquinamento provoca delle perdite in termini di benessere per un totale di 5.11 miliardi di dollari, secondo i dati della Banca mondiale

In Asia orientale, che comprende la Cina e, a Sud, l'India, queste "perdite di benessere" pesano l'equivalente del 7,5% del prodotto interno lordo (PIL) di queste regioni. L'est asiatico conta 2,2 milioni di morti a causa di inquinamento esterno (aria) come interno (inquinamento domestico), seguito da Asia del Sud (1,8 milioni) e territorio sub-sahariano (605'000). In Europa e in Asia centrale, mezzo milione di persone muoiono a causa dell'inquinamento e circa 100.000 negli Stati Uniti. 

Calcolato per paese, data la concentrazione della popolazione, il più alto tasso di esposizione a queste particelle fini è intervenuta nel 2013 in Mauritania, Cina e Arabia Saudita. I paesi con livelli più bassi di esposizione a queste particelle sono l'Australia e la Norvegia, così il Pacifico e isole dei Caraibi.

Per gruppi di popolazioni, è quello più giovane il più fragile. L'inquinamento dell'aria è quindi responsabile del 5% delle morti al di sotto dei cinque anni e il 10% di quelli oltre i 50 anni, osserva lo studio. 

Nessun commento: