martedì 2 agosto 2016

Parlare agli uccelli per procurarsi il miele. Ma non è Francesco.

In Mozambico, la gente parla agli uccelli per raccogliere il miele. Il popolo Yao non si limita a ascoltare gli indicatori (indicator indicator), una specie di uccello, ma comunica con loro attraverso un linguaggio molto particolare. 
http://www.nytimes.com/2016/07/23/science/birds-bees-honeyguides-africa.html?rref=collection%2Fsectioncollection%2Fscience&mtrref=www.nytimes.com&_r=2
Il popolo Yao ha imparato l'arte della raccolta del miele nei tronchi degli alberi nella riserva Nissa, Mozambico. Per evitare il pericolo di api, i cacciatori di miele affumicano il sito con l'introduzione di un pezzo di legna vicino al nido d'api prima di abbattere l'albero. Ma per trovare i posti buoni, hanno bisogno di un aiutino, uno dei principali indicatori, i piccoli uccelli dal becco rosa.

Il principio è semplice: all'uccello piace molto la cera d'api, segnala il posto e aspetta che un altro animale, come il tasso del miele o l'uomo completi l'opera. Gli uomini sanno da tempo ascoltare la chiamata particolare dell'uccello seguwndolo a volte per più di un chilometro per trovare alveare selvatico.

Ma questa forma di "mutualismo" va oltre, secondo la ricerca pubblicata a luglio sulla rivista Science. La gente Yao non si limita ad ascoltare i principali indicatori, ma addirittura comunica con loro, con una specie di ronzio, seguito da un ringhio basso. Le cifre parlano da sole: gli uomini hanno il doppio delle probabilità di essere aiutati da questi uccelli se emettono il suono giusto. L'uomo, è vincente se riceve aiuto dall'indicatore. Senza il suo intervento, ha solo il 17% di probabilità di trovare il nido d'ape, mentre così, le probabilità aumentano al 54%. 
documentario della BBC
"Il fatto che gli indicatori rispondano spesso a quel particolare suono mostra che riconoscono le informazioni specifiche contenute in questo segnale", ha detto il dottor Spottiswoode, che ha guidato la ricerca, al New York Times. "Non è solo segno della presenza umana. Questo è un segno che la persona offre una buona collaborazione". Il grande indicatore risponde inoltre con un grido che egli utilizza esclusivamente in presenza di esseri umani. Il partenariato praticamente funziona nei due sensi: o l'uccello mette allerta l'uomo se ha trovato un alveare selvaggio, oppure è l'uomo che avverte l'uccello che ha bisogno di lui. 

Naturalmente, questa non è la prima volta che gli scienziati trovano tale collaborazione fra gli esseri umani e gli animali: in Brasile, per esempio, i pescatori chiamano dalla Laguna dei delfini per aiutarli a catturare più pesci. Ma la novità è che gli uomini e gli uccelli hanno trovato un linguaggio comune per sviluppare la loro partnership. "Per anni, ci hanno raccontato delle storie che ci parlavano di un modo 'come quello'", dice John N. Thompson, professore di ecologia e biologia evolutiva presso l'Università della California di Santa Cruz. "Ma ora abbiamo dati reali per dire che è vero!". 

Nessuno può veramente sapere da quanto esiste questa cooperazione incredibile, anche se il dottor Spottiswoode indica che questo rapporto ha potuto evolversi solo attraverso la selezione naturale. "Sembra che questo sia legato al verificarsi negli esseri umani della scoperta di fuoco e asce a mano", fa notare Richard Wrangham, un antropologo della Harvard University, cui fa eco il New York Times, "così il rapporto potrebbe essere vecchio di almeno un milione di anni". 

Curiosamente, questa collaborazione esiste anche tra gli Hadza della Tanzania, che emettono piuttosto un fischio. "Ci piacerebbe sapere se i principali indicatori hanno sentito questo tipo di variazione linguistica in tutta l'Africa, perchè consentirebbe loro di riconoscere i buoni collaboratori tra loro vicini", dice il Dott Spottiswoode all'Independent. Ma al di là del linguaggio, differiscono anche i comportamenti: ad esempio, alcuni non sempre lasciano la cera d'api all'uccello e bruciano i residui della raccolta. Ciò manterrà li uccelli sufficientemente affamati per continuare ad aiutare gli uominisecondo i ricercatori di Evolution e Human Behavior

Ma alcuni vedono questa pratica con sospetto e avvertono coloro che non lasciano all'uccello da beccare la cera d'api o le larve del tronco. Se l'uccello è truffato nella transazione, vorrà vendicarsi. "Un uomo saggio mi ha detto che se si violano le regole, la prossima volta l'uccello vi condurrà ad un animale pericoloso come un leopardo" dice Ridley Nelson sul Washington Post. Un comportamento che i politici dovrebbero seguire, secondo il cronista, se non vogliono che le persone facciano subire loro la stessa sorte. 
documentario sugli Hazda
In natura, un simile mutualismo è raro, dal momento che in molti casi la selezione naturale favorisce imbroglioni e prepotenti. "La natura funziona più o meno come l'Unione Europea", ha osservato il zoologo Giulio Howard su The Guardian. "Non ci sono rapporti tra le specie: ci sono sfiducia e confini, territori e investimenti. Eppure a volte rapporti sorprendenti emergono". Anche Lui vede con speranza il futuro rapporto tra l'uomo e il mondo animale. "Questo straordinario uccello in qualche modo ha messo in atto il primo baratto tra un animale selvatico e un uomo. Questo può essere l'unico amico selvaggio che abbiamo. Spero che un giorno ne avremo più". 

Nessun commento: