martedì 8 marzo 2016

Violenza sessuale: Uber replica e pubblica i suoi dati

Dopo un articolo che indicava il numero di reclami dei clienti recanti la parola "stupro", l'azienda californiana nega. 

http://www.buzzfeed.com/charliewarzel/internal-data-offers-glimpse-at-uber-sex-assault-complaints#.qdYraKjpgUber ha contrattaccato dopo un articolo di stampa che aveva assicurato in precedenza che migliaia di suoi passeggeri avevano riferito (leggi buzzfed) di stupro e violenza sessuale attraverso la pubblicazione di dati ufficiali nei quali appare solo un numero molto inferiore di attacchi. 

Il servizio di prenotazione auto con autista ha rilevato solo cinque casi di presunto stupro e 170 "accuse legittime di violenza sessuale" tra dicembre 2012 e agosto 2015, Uber lo ha detto in una lettera aperta indirizzata ai redattori del sito di notizie BuzzFeed. 

Queste cifre si basano sui rapporti elaborati dai messaggi inviati al servizio clienti Uber, la società ha detto nella lettera pubblicata sul suo blog domenica scorsa. I cinque presunti stupri rappresenterebbero appena lo 0.0000009% degli spostamenti nel mondo nel periodo e le 170 aggressioni sarebbero in rapporto si 1 a 3,3 milioni di viaggi, precisano i suoi leader. 

"Quando si verificano eventi gravi, sono spesso segnalati direttamente alla polizia. Questi fatti non possono pertanto essere riflesse nelle statistiche di cui sopra", Uber comunque ha precisato. 

La Start Up Californiana ha così risposto a BuzzFeed a proposito delle le immagini di domenica che mostravano il numero di risultati presi da un database 'Uber servizio al cliente' secondo parole chiave. Così che, "violenza sessuale" dà 6'160 risultati e "stupro" è citato 5'827 volte nel corso dello stesso periodo, secondo il sito web, in cui si afferma che le immagini sono state trasmesse da un ex responsabile del servizio clienti. 

Ma Uber ritiene che le cifre indicate da BuzzFeed siano "profondamente fuorvianti". 

I passeggeri spesso misspell (commettono un errore di trascrizione) "la parola 'tariffa' - 'rate' in inglese - la scrivono 'rape' (stupro)". La Ricerca per parole chiave sceglie anche quelle colloquiali come "hai violato il mio portafoglio", dice il gruppo e inoltre qualsiasi indirizzo di posta elettronica o nome completo "del passeggero o conducente" che inizi con R e comprendano le lettere A, P, E (rape = stupro).

Questi risultati includono anche i risultati di messaggi di altri passeggeri che hanno viaggiato su un altro servizio 'come Uber' citando "notizie di stampa infondate di abuso sessuale", secondo la lettera

Presente in centinaia di città in tutto il mondo, la start-up californiana è stata ufficialmente bandita da Nuova Delhi dopo lo stupro di una giovane donna nella capitale indiana, alla fine del 2014, da un driver Uber. 

"Purtroppo, nessun mezzo di trasporto è sicuro al 100%", ammettono i suoi funzionari. 

Nessun commento: