sabato 12 marzo 2016

Le giovani minorenni sono più attratte dall'ISIS. Il 55%.

Gli esperti additano un fenomeno mai visto prima in queste proporzioni. 

http://cadis.ehess.fr/index.php?1010Sono già numerose tra le reclute francesi dello Stato Islamico, le adolescenti sono ora in maggioranza nelle file di minori attratti dalla propaganda estremista. La violenza, ma anche il culto della virilità e spirito umanitario sono il motore principale, assicurano gli esperti. 

"Nella categoria dei minori, vi è una maggiore rappresentanza femminile in una proporzione di circa il 55%", secondo gli esperti dell'antiterrorismo. 

Cosa spinge le ragazze giovani, alcune appena uscite dell'infanzia, ad aderire o sognare di far parte di un'organizzazione così radicale? 

Dopo averne intervistati diversi e studiato i loro atteggiamentui, il sociologo Farhad Khosrokhavar (vedi articoli), direttore degli studi presso la Scuola di Alti studi sociali (EHESS), ci da alcune risposte.

"In primo luogo, dobbiamo fare i conti con la prima generazione di ragazze che sono affascinate dalla violenza, così come i ragazzi. In precedenza, la violenza era un fenomeno quasi esclusivamente maschile. Questa nuova generazione ha cambiato le prospettive. Ho parlato con le ragazze che mi hanno detto: 'Il mio ideale è Kouachi? (i fratelli Kouachi sono autori della strage di Charlie Hebdo), di essere sua moglie o la fidanzata. Il loro sogno è quello di essere Kouachi, sé stesse, direttamente la violenza". 

Nei complessi fenomeni della radicalizzazione, con le ragazze con profili molto diversi, di diversa provenienza, assistiamo ad un altro fenomeno che entra in gioco, assicura il sociologo. 

"Questo è ciò che io chiamo il viso stanco viso dei ragazzi immaturi che frequentano. C'è in queste ragazze un nuovo culto dell'eroismo, della virilità. Il giovane jihadista diventa un ideale maschile per quelle ragazze che pensano di poter fidarsi di lui. La sua serietà si misura dalla sua volontà di esporre la sua vita al pericolo. Si tratta di un postfemminismo antifemminista: il culto della virilità, è quello di dire che vogliamo un uomo con le virtù tradizionali maschili". 

L'adolescenza è l'età degli entusiasmi, degli ideali, della passione più o meno razionale. I reclutatori del Daesh sono maestri nell'arte della propaganda e dell'utilizzo dei social network, hanno capito benissimo tutto questo. Fanno quindi leva sulla presunta dimensione umanitaria, di un impegno delle ragazze con loro.

https://twitter.com/erinsaltmanPer la ricercatrice britannica Erin Marie Saltman, co-autrice del rapporto "Till Martyrdom Do Us Part (Finchè martirio non ci separi)", che esamina per conto dell'Istituto di studi strategici il ruolo delle donne nell'ISIS, la leva dell'azione umanitaria è molto potente per le ragazze adolescenti. 

"Sarebbe sbagliato vedere in queste ragazze solo le donne degli jihadisti", dice. "Molti di loro sono veramente convinti di partecipare ad uno sforzo umanitario. Pensano che il regime di Assad e le forze internazionali perseguitino i musulmani e che unendo il califfato, partecipino alla creazione di uno Stato in grado di offrire futuro e sicurezza ai musulmani di tutto il mondo".

Infine, l'adolescenza è, naturalmente, l'età delle rivolte, che assume in questo caso i suoi risvolti più estremi.

"Vi è una chiara volontà di trasgressione", afferma Farhad Khosrokhavar. "La rivolta adolescente e postadolescente in questa forma era prima appannaggio dei ragazzi. Ora, anch'esse, le ragazze, si ribellano allo stesso modo. Partono, prendono un volo per la Turchia. Sanno che la società odia il jihadismo; questo è il modo migliore per mettersi in rottura con la società".

Lo Stato Islamico le manipola attraverso i suoi video, consapevolle del terreno favorevole" continua il professore. "Si rivolge a queste ragazze manipolabili, perché hanno questo desiderio romantico, esotico, di superare questa adolescenza. Nei paesi occidentali, si rimane a carico dei genitori sempre più a lungo. Partendo ci si afferma. É un rito di passaggio per raggiungere simbolicamente l'età adulta, l'affermazione di sè con la violenza e la trasgressione finale". 


"É il loro punk rock", dice Erin Marie Saltman. "É l'ergersi contro il sistema. Noi consideriamo Daesh come un movimento conservatore, maschilista, oppressivo, ma è visto da ragazzi e ragazze come un movimento sociale clandestino. Tutto ciò, naturalmente, piace ad alcuni adolescenti". 

Nessun commento: