mercoledì 20 gennaio 2016

WhatsApp gratis? E senza pubblicità, sì, davvero!

Jan Koum, il fondatore della app di messaggistica, ha deciso di eliminare la sottoscrizione di un dollaro all'anno. WhatsApp preferisce far pagare le imprese di più, ma promette che non ci sarà più pubblicità. 

https://www.whatsapp.com/download/Due anni dopo il suo acquisto da parte di Facebook per una quantità impressionante di dollari (22 miliardi a fronte di un fatturato di 10 milioni), a che punto è l'applicazione WhatsApp? Il fondatore di messaggistica mobile, Jan Koum, è stato lunedi alla conferenza DLD (Digital Design Life) a Monaco di Baviera, dove ha fatto un grande annuncio: 

"Ora, WhatsApp sarà gratuito per il consumatore, noi non faremo pagare un dollaro l'anno". 

Su Twitter, molti utenti hanno risposto, sorpresi: "Oh, è libero? "Anche se 0,99 dollari per anno, può facilmente passare inosservato ... (Schermata di domande e risposte - FAQ - sul sito web di WhatsApp)

In realtà ci sono diversi casi. Alcuni utenti di iPhone avevano pagato 0,89 € per il download poi nulla, per esempio. Altri, su Android, piccolo software utilizzato per scaricare le vecchie versioni o per modificare la tua password. Non si sa quanti utenti abbiano effettivamente pagato questo modesto contributo. Ma lo stesso principio del pagamento era apparentemente una opzione per i giovani dei paesi emergenti in particolare.  

In un post sul blog, WhatsApp, che afferma "quasi un miliardo di utenti" (contro 400 milioni di due anni fa), spiega: 
"Per molti anni abbiamo chiesto ad alcune persone di pagare un canone per l'utilizzo di WhatsApp dopo il primo anno. Crescendo, abbiamo scoperto che questo approccio non ha funzionato bene. Molti utenti WhatsApp, non disponendo di un numero di carta di credito o di debito, erano preoccupati di perdere la connessione con i loro amici e familiari dopo il primo anno. Così nel corso delle prossime settimane, rimuoveremo il canone dalle diverse versioni della nostra applicazione e WhatsApp non chiederà più di pagare per il proprio servizio". 
Resta inteso, tra le righe, che questo aveva probabilmente aiutato altre applicazioni completamente gratuite come Line, che fa i soldi con la vendita di "adesivi" Viber (acquisita dalla giapponese Rakuten) o telegram, il cui fondatore, Pavel Durov, dice di non cercare di trasformarla in redditizia ... 

Se è gratuito, vuol dire che ci sarà la pubblicità? Anche se è questo il cuore del modello economico del suo genitore Facebook, la messaggistica non cederà: "La risposta è no", dice WhatsApp. 

I due fondatori, Jan Koum e Brian Acton, avevano scritto una vibrante anti-pub advocacy
"La pubblicità non è solo un’interruzione estetica, è un insulto alla vostra intelligenza e un'interruzione dei vostri pensieri. In ogni azienda che vende pubblicità, una porzione significativa del team ingegneristico trascorre la giornata perfezionando i sistemi di estrazione dati, scrivendo codici più accurati per raccogliere i vostri dati personali, aggiornando i server che contengono tutti i dati e verificando che tutto sia registrato, riunito, suddiviso, confezionato e spedito... Il risultato? Un banner pubblicitario leggermente diverso, più mirato, nei vostri browser o sugli schermi dei vostri cellulari"
"I dati non entreranno in gioco. Non ci interessano". 

Quando gli chiesero perché si pagasse l'utenza WhatsApp, ha risposto, "Hai un'altra soluzione?"

WhatsApp avrebbe trova
to altre soluzioni. L'applicazione metterà alla prova gli strumenti per "collegare gli utenti direttamente con i fornitori di servizi delle imprese: 

"Potrebbe essere, per esempio, un modo per contattare la tua banca per vedere se una recente transazione è fraudolenta, o con una compagnia aerea in caso di un ritardo del volo". 

Da questo punto di vista traspare che le aziende pagheranno questo rapporto. Un modo per evitare il cattivo buzz e viral su Twitter ...

Da DLD Conference 18 gennaio u.s

Nessun commento: