mercoledì 18 febbraio 2015

Le poliziotte addestrate al karate contro lo stupro

Le poliziotte della "capitale dello stupro", seguono corsi di Karate. A New Delhi si cerca di rispondere agli innumerevoli stupri di donne della metropoli indiana con una piccola brigata di polizia speciale, addestrata nello sport da combattimento. 

http://www.businessinsider.com/afp-indias-charlies-angels-take-on-capitals-mean-streets-2015-2?IR=T
Il sole è appena sorto a Nuova Delhi ed una nuova unità di polizia specializzata si sta già allenando al combattimento per rendere la vita difficile ai predatori sessuali. Abbigliata in kimono per karate bianchi, con piedi e ginocchia attaccano avversari immaginari, perfezionando la loro preparazione prima del loro prossimo incarico al servizio della tutela delle donne. 

La violenza sessuale, che affolla i titoli della cronaca degli ultimi due anni, hanno guadagnato a New Delhi il soprannome di "capitale dello stupro" e costretto la polizia a reagire e formare una squadra di donne appositamente addestrate nelle arti marziali. "Non tollereremo alcun comportamento cattivo", spiega Bharti Wadhwa, loro capo, dopo l'allenamento intenso di due ore con il suo team di 40 donne. 

La nuova unità è stata chiamata "Charlie's Angels" dai loro allenatori, con riferimento alle tre stelle protagoniste, detectives private, della serie americana in onda negli anni '80. Dopo diversi mesi di formazione, la squadra è quasi pronta. In abiti civili, per passare inosservate, saranno dislocate in autobus affollati, stazioni della metropolitana e nelle università per proteggere e fornire suggerimenti di autodifesa alle donne. 

Il loro allenatore Vishal Jaiswal, cintura nera di karate giapponese (shotokan), mostra la sua fierezza per le sue protette. "Il risultato è una grande responsabilità per me. Mi sento come un guerriero in missione", dice. "E la mia missione è fare in modo che si sentano come Charlie 's Angels, temute e senza paura". 

Delhi, città tentacolare di circa 16 milioni di abitanti, è stata al centro degli eventi del mondo nel dicembre del 2012, quando la popolazione scese in piazza per protestare contro la violenza nei confronti delle donne. 

Il movimento fu innescato dal barbaro stupro di gruppo di una studentessa di 23 anni, morta per le ferite riportate. Il delitto scosse il paese e i politici furono costretti a rendere più severa la legislazione in materia di violenza sessuale. Tuttavia le aggressioni alle donne non sembrano diminuire. L'ultimo incidente pubblicizzato dice di un conducente della società Uber, sotto processo per il presunto stupro di una passeggera

Delhi la polizia ha registrato 2.069 casi di stupro lo scorso anno, contro 1.571 dell'anno precedente, con un aumento che può essere spiegato, in parte, dalla riluttanza delle donne a presentare denunce, nonostante la stigmatizzazione delle stesse vittime di stupro. 

La nuova unità di polizia femminile è stato creato sotto la guida del capo della polizia della capitale Bhim Sain Bassi. Soprannominato "Papa Charlie" alla radio della polizia, che si è concentrato sulla sicurezza delle donne sin dal suo insediamento nel 2013. 

"L'unità, dopo gli allenamenti, sarà distribuita in abiti civili vicino a stazioni della metropolitana, le scuole e le università. I luoghi più vulnerabili", dice il vice commissario Varsha Sharma. "Le ragazze e le donne devono sentire che questi angeli custodi sono lì per proteggerle in qualsiasi momento". 

https://twitter.com/mrigankadadwalI sostenitori dei diritti delle donne hanno accolto favorevolmente l'iniziativa, ma sono scettici circa l'impatto di una unità di solo 40 persone. "Hanno bisogno di estendere la formazione ad altre forze di polizia", ​​ha detto Mriganka Dadwal, direttore esecutivo dell'ONG SLAP (Street-livello Awareness Program). "E' necessario che gli autori di reati sessuali sappiano chiaramente che saranno sotto costante sorveglianza". 

L'unità di polizia ha già fatto alcuni test nei bus della città per informarsi sulle paure dei passeggeri per la loro sicurezza. La richiesta di tale presenza è forte, secondo diversi passeggeri intervistati durante uno di questi test. 

"Prendo l'autobus per andare all'università e gli uomini guardano insistentemente o vi fissano con uno sguardo sporco e laido", dice Sakshi Sharma, 19 anni, mentre sfoglia il libretto rosa della polizia che da suggerimenti per la sicurezza. "Spesso mi sento impotente, ma sono felice di sapere che la polizia sarà ora lì per proteggerci da uomini lussuriosi". 

Seduto accanto a lui, Chhaya Aggarwal, ingegnere informatico, è ancora più entusiasta. "Implementando questo esercito femminile, i nostri padri e fratelli non dovranno preoccuparsi quando si esce"  

Nessun commento: