sabato 3 gennaio 2015

Il ritorno del 33 giri. Per puristi e raffinati... ma non solo


Il vinile ha fatto nel 2014 un grande ritorno negli Stati Uniti, in un mercato dell'industria musicale piuttosto in declino. 


Con 257 milioni di album venduti, il primo mercato della musica in tutto il mondo, tuttavia, in calo dell'11% anno su anno, a causa della continua riduzione delle vendite di CD e download di musica, indicano i dati di Nielsen SoundScan pubblicati nella notte di Mercoledì 31 dicembre - giovedi 1 gennaio

Tuttavia, il disco in vinile, una volta popolare solo per puristi e collezionisti, è tornato nelle case americane, con 9,2 milioni di pezzi venduti lo scorso anno, in crescita del 52% a partire dal 2013. Ma non rappresenta che il solo 6% delle vendite di dischi, contro il 41% dei CD. 

Questo è il miglior risultato dei buoni vecchi 33 giri che Nielsen SoundScan ha iniziato dal 1991 a compilare e che riguarda i dati di vendite negli Stati Uniti. 

I servizi di streaming di musica o video come Spotify o Pandora, sono, anch'essi, esplosi nel 2014 con 164 milioni di unità, con un incremento del 54% rispetto al 2013. Questi siti, che offrono agli abbonati l'ascolto di musica senza limiti e su richiesta, sono ora in procinto di trasformare l'industria della musica mondiale. 

I critici sostengono che questi servizi non incoraggino i fan a comprare dischi e, così, 'feriscano gli artisti'. Spotify, dal canto suo, risponde che piuttosto rappresenti una rara fonte di crescita nel settore della musica per la prima volta dopo anni. 

Nessun commento: