domenica 25 gennaio 2015

Gli iPhone ci rendono bestie? La Nomofobia

L'essere separato dal proprio cellulare potrebbe avere un impatto sia psicologico che fisiologico, secondo i risultati di uno studio.
   
https://blog.lookout.com/blog/2013/10/21/sprint-and-lookout-survey/Dal 2011, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ritiene che le onde emesse dai cellulari siano potenzialmente cancerogene. Ma se essere vicino al proprio cellulare può essere dannoso per la salute, allontanarlo produce danni allo stesso modo. Non avere a portata di mano un iPhone può generare sintomi di ansia reali che possono portare ad una perdita di concentrazione, secondo uno studio condotto da ricercatori presso l'Università del Missouri e pubblicato su Science Daily all'inizio di gennaio

Un team di scienziati ha misurato la pressione arteriosa e la pressione sanguigna di 208 studenti di giornalismo cui ha chiesto di stilare un elenco di tutti gli stati americani. Per non falsare i risultati del sondaggio, hanno spiegato ai partecipanti che l'esperimento consisteva nel testare un nuovo monitor wireless. A metà dell'esperimento, hanno annunciato che era meglio lasciare l'iPhone all'ingresso della sala, "per non creare interferenze con le apparecchiature mediche", e ha chiesto agli studenti di ripetere il test da zero. Proprio mentre i volontari stavano cercando di fare l'esercizio una seconda volta, senza il loro iPhone, gli scienziati li hanno chiamati, facendo squillare il loro cellulare, uno dopo l'altro.

Nel secondo esperimento, tutti i partecipanti hanno dichiarato di sentirsi presi dal "panico" e di avvertire un aumento significativo del livello di stress, per non essere in grado di rispondere al loro cellulare quando squillava. Gli sfigmomanometri nel frattempo avevano registrato un'accelerazione della pressione sanguigna del cuore nella maggior parte dei volontari. Di conseguenza erano decentrati e, in seguito, avevano avuto serie difficoltà nel tracciare il secondo elenco.

"Gli utenti di cellulari dovrebbero evitare di tenere il loro cellulare con sé in ogni momento. Alcune situazioni di tutti i giorni richiedono una grande quantità di attenzione e concentrazione e il carattere di ansia da separazione 'forzata' tra l'utente e il suo iPhone produce un impatto negativo sulle prestazioni durante le attività mentali, che rende la cosa molto preoccupante", ha dichiarato Russell Clayton, dottorando presso la Scuola di Giornalismo del Missouri e direttore dello studio. "Per alcuni, l'iPhone è diventato un prolungamento dell'essere, al punto che, quando ne viene separato, si sente come 'ridotto'; Ne segue uno stato fisiologico negativo", ha aggiunto, sottolineando che l'esperienza si è concentrata solo sugli utenti di iPhone, ma che i risultati potrebbero estendersi ai titolari di qualsiasi smartphone, in generale. 

Questa sindrome colpisce un gran numero di persone, pur rimanendo poco conosciuto, ha un nome: la "Nomofobia" o "l'ansia di essere lontano dal proprio smartphone". Apparsa nel 2008 nel Regno Unito, quando il primo istituto d'indagine ha considerato la questione, questa "patologia" ha toccato il 63% degli americani nel 2013. Essi avrebbero confessato "di non spendere più di un'ora senza il loro smartphone" . In Francia, un sondaggio Ifop condotta nel 2013 ha verificato che il 58% dei francesi si dice "dipendente" dal proprio smartphone. 


E se fossimo disconnessi ...?
_________________
Nel 2015 un mio amico è rimasto disconnesso per più giorni grazie ai fenomeni atmosferici ed il conseguente black out del segnale internet del suo gestore. Non rivelerò il nome del gestore né le conseguenze psicologiche di questo evento. Mi domando se possa egli chiedere i danni al fornitore di questa inefficienza del servizio. 

Nessun commento: