sabato 27 dicembre 2014

Il vero elisir di lunga vita sta nel cervello.

Sentirsi più giovani aiuta a vivere più a lungo. 

http://www.medicalnewstoday.com/articles/286998.phpLe persone anziane che si sentono più giovani della loro età reale hanno un minor rischio di morire nei successivi anni. 

Non c'è bisogno di manipolazioni genetiche complesse, nanomedicine miracolose o pratiche esotiche per mantenere la propria giovinezza? Il lavoro di due ricercatori dell'University College di Londra, che sono stati da poco pubblicati sulla rivista internazionale Jama International Medicine, sembrano infatti confermare il proverbio che dice che "l'età è nella testa". 

Isla Rippon e Andrew Steptoe hanno osservato la longevità di 6489 anziani in media di quasi 66 anni. Prima osservazione, la maggior parte di essi (70%) si reputa di almeno tre anni più giovane della propria età, il 25% percepiva l'età corrispondente all'età reale e il 5% si considerava più vecchio di almeno un anno di quello che realmente era. Le differenze di percezione non devono sorprendere, perché molti parametri possono influenzare l'età percepita. I giovani spesso si sentono più vecchi della loro età reale e alcune situazioni, come ad esempio gravi problemi di salute o un lutto, possono allungare l'età percepita. 

Ma l'aspetto più interessante in questo studio inglese è la mortalità dei diversi gruppi, con un allungamento medio di più di otto anni. Esso varia a seconda dell'età percepita all'inizio dello studio.

https://www.avoin.jyu.fi/tietoa/henkilokunta/opettajat/virpi-uotinenMentre la mortalità è stata del 18% nel gruppo che sentiva di avere la propria età, scende al 14% (differenza non statisticamente significativa, osservano gli autori) per i "più giovani nella loro testa", ma, soprattutto, sale al 24% nel piccolo gruppo di coloro per i quali l'età pesa di più. "Probabilmente c'è un legame tra biologia e psicologia", spiega la Prof. Virpi Uotinen dell'Università di Jyvaskyla in Finlandia, "le costruzioni psicologiche dell'età sono probabilmente gli indicatori più rilevanti dell'età biologica più di quanto non si pensi". 

"L'analisi delle cause di morte mostra una forte correlazione tra età percepita e morte per cause cardiovascolari, ma nessuna associazione con i decessi per cancro", notano i ricercatori. Questo supporta la teoria della profezia che si autoavvera secondo la quale proprio per coloro per i quali il peso dell'età pesa di più incide più che i comportamenti meno virtuosi in fatto di salute. Mentre altri tendono a prendere una maggiore cura della propria salute e di seguire il consiglio del proprio medico. In breve, i fattori di rischio modificabili sono più probabili rispetto al piano cardiovascolare piuttosto che al cancro. 

Lo stato di salute iniziale dei partecipanti allo studio non è tutto perché Rippon e Steptoe mostrano che la mortalità aumenta del 41% per chi si sente più vecchio della propria età, quando si prenda in considerazione la salute nella comparazione statistica dei gruppi. 

Un altro studio una dozzina di anni fa condotto dai ricercatori della Yale (USA) e l'Università di Miami ha dimostrato che l'età percepita aveva "più peso sulla mortalità nei 23 anni successivi (lo studio non si è spinto oltre) come nel sesso, nello stato sociale, nell'isolamento e nella salute". 

Sentirsi giovane si tradurrebbe, in particolare, in un maggiore appetito per la vita. Ecco perché i ricercatori di Yale denunciano la visione monolitica dell'età: "Alcuni anziani non sono in grado di combattere contro l'internalizzazione degli stereotipi negativi associati all'età, ma i dati mostrano che un numero considerevole ci riesce perfettamente". 

E' possibile rigenerarsi psicologicamente? Per la professoressa Uotinen "E' difficile rispondere perché dipende in parte dalla misura dell'età percepita usata negli studi e dalle rappresentazioni culturali legate all'età". Si può anche sentirsi molto bene alla propria età, nonostante i limiti che essa impone. "I nostri studi mostrano che, anche dopo 75 anni, ci sono ancora molti intervistati che dicono di sentirsi alla propria età, né giovane né vecchio. E' anche questo un segno di accettazione di sé che è positivo", dice Virpi Uotinen. 

Nessun commento: