giovedì 12 giugno 2014

E tu sei spornosessuale? - Morto il metrosessuale se ne fa un altro.

Dan Osborne (right) from TOWIE shows off his
        
Dimenticate i metrosessuali, ora ci sono gli "spornosessuali" 
     
Circa 20 anni fa, il giornalista Mark Simpson forgiò un nuovo termine per descrivere gli uomini urbani, etero e "pertanto" preoccupati per la loro immagine, diciamolo pure, anche 'fanatici', civettuoli: i metrosessuali
             
"L'uomo metrosexual è single, uomo, zitellone o vitellone si sarebbe detto un tempo, con un buon reddito. Vive e lavora in città (perché è lì che ci sono i migliori negozi) ed è, forse, il consumatore più promettente degli ultimi dieci anni e dei prossimi"
Simpson, tuttavia, stima che il termine non corrisponda più al nostro tempo. Egli lo spiega in più di 5000 segnali (sì, grosso modo) nel Telegraph: 
"Con il loro corpo gonfio e cesellato, i muscoli sviluppati, i tatuaggi, i piercing, le barbe adorabili e le scollature, è chiaro che per la seconda generazione di metrosessuale, la partita non si gioca più sui sui vestiti. I corpi sono diventati l'ultimo accessorio ....
È necessario un nuovo termine per designarli [...]. Chiamateli "spornosessuali" ...
A differenza dei vecchi metrosessuali come Beckham, i cui attributi erano gonfiati sulla pubblicità, gli spornosessuali hanno trasformato i loro corpi nella vita reale".
                
Spornosesso: una miscela di sport, porno e sesso.

"Per l'attuale generazione, le reti sociali, selfies e pornografia sono i principali veicoli del desiderio maschile e del farsi desiderare. Vogliono essere per i loro corpi, non per il loro guardaroba. E, in definitiva, non certo per le loro menti".
_______________________________

Nessun commento: