giovedì 19 dicembre 2013

Il Pillolo: ricerche avanzate e a buon punto

La pillola contraccettiva maschile
Sperm and BPALa ricerca sulla contraccezione maschile è entrata in una nuova fase grazie agli australiani che sono riusciti a rendere topi maschi infertili bloccando due proteine
I ricercatori australiani sono riusciti a far diventare i topi maschi infertili bloccando la funzione di due proteine Questo segna una nuova tappa nella creazione di una pillola contraccettiva per gli uomini, secondo uno studio pubblicato Martedì 3 scorso. 

I ricercatori della Monash University hanno modificato i geni di topi maschi in modo da bloccare due proteine ​​nelle cellule muscolari che permettono allo sperma di viaggiare attraverso gli organi riproduttivi dell'animale. 

I topi hanno continuato ad essere in perfetta salute e ad accoppiarsi con le femmine, senza che queste ultime avessero dei piccoli. Lo ha detto Sabatino Ventura dell'università con sede a Melbourne. 

La vitalità degli spermatozoi resta inalterata "Abbiamo dimostrato che bloccando allo stesso tempo due proteine​​che permettono l'avanzamento dello sperma durante l'eiaculazione si ha infertilità totale"
ha aggiunto. tutto ciò 
"senza influenzare la redditività a lungo termine dello sperma o la salute generale e sessuale maschile (...). Il muscolo non riceve il messaggio chimico che dice al seme di avanzare".

Lo studio è stato pubblicato negli Stati Uniti dalla rivista specializzata Proceedings della National Academy of Science. Il team di Monash, che ha lavorato in collaborazione con le Università di Melbourne e di Leicester (UK), ora cercherà di riprodurre chimicamente questo fenomeno genetico, che potrebbe portare alla creazione di una pillola contraccettiva maschile in dieci anni.  
"Il passo successivo è lo sviluppo di un contraccettivo orale maschile che è efficace, sicuro e facilmente reversibile", 
ha detto Sabatino Ventura. 

Esistono tentativi precedenti nello sviluppare un contraccettivo maschile con concentrato di ormoni o produzione di sperma disfunzionale, ma questi metodi possono avere effetto sul comportamento sessuale maschile e ridurre o distruggere la sua fertilità a lungo termine. 

Il metodo al quale lavorano Ventura ed i suoi colleghi non è ormonale e non ha alcun impatto sullo sviluppo degli spermatozoi, ha aggiunto il ricercatore intervistato dalla televisione pubblica ABC.

Nessun commento: