lunedì 11 febbraio 2019

Instagram eliminerà le foto che rappresenteranno le forme di violenza contro se stessi

Instagram ora rimuoverà 'immagini esplicite violente, come tagli per esempio', inflitti a se stessi. 

https://www.theguardian.com/technology/2019/feb/07/instagram-bans-graphic-self-harm-images-after-molly-russells-deathInstagram, molto popolare tra i giovani, ha deciso di vietare le foto che mostrino lesioni autoinflitte, per aiutare a combattere l'automutilazione e il suicidio. Lo ha annunciato giovedì scorso la piattaforma di proprietà di Facebook. 

Molto recentemente, 'abbiamo notato che, per quanto riguarda le questioni relative all'autolesionismo ed al suicidio, non siamo aggiornati e dovremmo fare di più per garantire la sicurezza degli utenti di Instagram', ha affermato. in un testo pubblicato sul suo blog ufficiale. 

Il sito, che ha già vietato qualsiasi pubblicazione che incoraggi o promuova il suicidio o l'autolesionismo, ora proibirà e rimuoverà 'immagini violente di autolesionismo, come tagli' inflitti a se stessi. 

Quanto alle foto che sono meno direttamente correlate all'autolesionismo, ad esempio le cicatrici, non verranno visualizzate nei risultati di ricerca e non saranno consigliate dagli algoritmi di Instagram, che dice di lavorare con esperti in salute mentale. 

Questo tipo di contenuto meno esplicito non verrà 'rimosso completamente perché non vogliamo stigmatizzare o isolare persone che potrebbero essere in difficoltà e pubblicare contenuti correlati a atti di autolesionismo per chiedere aiuto', aggiunge la filiale di Facebook. 

Come la sua casa madre, Instagram, ma anche Twitter o Google, cercano costantemente di limitare i contenuti problematici sulle loro piattaforme mentre cercano di evitare qualsiasi accusa di censura. 

La piattaforma di condivisione delle foto, che vanta oltre un miliardo di utenti in tutto il mondo, riflette anche su altre misure, come ad esempio la sfocatura di alcune immagini in modo che non siano immediatamente visibile. 

Secondo la BBC, questa decisione arriva dopo che il padre di una ragazza inglese di 14 anni che si è suicidata nel 2017 ha accusato Instagram di avere una parte di responsabilità nel dramma. Secondo suo padre, aveva consultato molti contenuti relativi al suicidio o all'autolesionismo. 

Nata come semplice piattaforma di condivisione di foto, Instagram è stata acquistata da Facebook nel 2012 ed è diventata nel tempo un social network a sé stante in cui gli utenti interagiscono tramite i commenti posizionati sotto le foto.

Nessun commento: