mercoledì 25 aprile 2018

Cresce il clima di odio per i giornalisti. La libertà di stampa si deteriora.

'L'odio verso i giornalisti minaccia le democrazie', secondo Giornalisti senza Frontiere, il clima di odio verso i giornalisti sta montando in Europa e negli Stati Uniti. 
https://rsf.org/en/rsf-index-2018-hatred-journalism-threatens-democracies
La libertà di stampa si è ulteriormente deteriorata nel mondo lo scorso anno, é preoccupata l'ONG Giornalisti senza frontiere (RSF) nel suo rapporto annuale pubblicato mercoledì. Inoltre, il clima di odio contro i giornalisti, che si sta sviluppando in Europa e negli Stati Uniti, sta minacciando le democrazie. 

La mappa del mondo elaborata da RSF sulla sua classifica mondiale della libertà di stampa si è ulteriormente oscurata: 21 paesi si trovano ora in una situazione 'molto seria', ad un livello record. L'Iraq si aggiunge a questa categoria di regimi autoritari come l'Egitto (161), la Cina (176) o la Corea del Nord, ancora in 180a ed l'ultima posizione. 

L'incitamento all'odio e gli attacchi alla stampa non sono più prerogativa degli stati autoritari, conferma questo rapporto. Quattro dei più forti cali registrati quest'anno sono nei paesi europei: la Repubblica Ceca precipita dall'11° al 34° posto. Il presidente Milos Zeman è apparso in una conferenza stampa con un finto Kalashnikov con la scritta 'per i giornalisti'. 

In Slovacchia, l'ex primo ministro Robert Fico ha trattato i giornalisti come 'sporche prostitute anti-slovacche' e 'semplici iene idiote'. 

A Malta, dove una giornalista anti-corruzione è stata assassinata, è caduto dal 18° a 65° posto, mentre la Serbia ha perso 10 posizioni (77°). Gli Stati Uniti di Donald Trump, paese del primo emendamento che santifica la libertà di espressione, perdono due posizioni in classifica e scendono al 45° posto. 

'Questa classifica riflette un fenomeno sfortunatamente troppo evidente, la crescita in molte democrazie dell'espressione di odio contro i giornalisti e il liberarsi di questo odio è davvero pericoloso', riassume Christophe Deloire, segretario generale dell'organizzazione. 

Questo fenomeno colpisce secondo lui 'democrazie diverse come le Filippine (133e), con il presidente Duterte che avverte che essere un giornalista 'non preserva dagli omicidi', come l'India (138°) 'Dove militanti al soldo dei partiti politici spandono odio per i giornalisti'. O negli Stati Uniti 'dove Donald Trump li chiama nemici del popolo', una formula preferita da Stalin. 

RSF è anche allarmata dall'aumento della violenza contro la stampa in Europa, dove due giornalisti sono stati assassinati negli ultimi mesi (il ceco Jan Kuciak e il maltese Daphne Caruana Galizia). Se anche la Norvegia mantiene il suo primato, 'c'è una forte preoccupazione per le democrazie europee', ha affermato Deloire. 

'Mentre l'Europa è di gran lunga il continente in cui è meglio garantita la libertà di stampa, questo modello europeo si sta indebolendo: 4 dei 5 maggiori declini in classifica sono in Europa, l'area il cui indice globale presenta la più vistosa caduta, e dove l'espressione di odio porta fino alla violenza fisica

La Francia non fa eccezione. Passata al 33° posto, un movimento per cause legate principalmente al declino di diversi paesi vicini, RSF nota che il 'mediabashing', o la denigrazione sistematica della professione da parte di alcuni leader politici, ha raggiunto il suo picco durante la campagna elettorale del 2017'. 

'Alcuni funzionari continuano a usare questa retorica per attaccare i giornalisti quando sono in difficoltà'. 

Per RSF, questo clima dannoso nei confronti della stampa mina uno dei fondamenti essenziali delle democrazie. 'Chi sfida la legittimità dei giornalisti gioca con un fuoco politico estremamente pericoloso. Le democrazie non muoiono solo per i colpi di stato, ma possono morire lentamente, ed uno dei primi segnali, è generalmente l'odio verso i giornalisti', avverte Christophe Deloire

Nessun commento: