martedì 19 dicembre 2017

Giornalisti senza frontiere: 65 giornalisti uccisi nel mondo nel 2017

Il 2017 è stato meno mortale per i giornalisti rispetto ai precedenti 14 anni, ma il dato sulla professione rimane pesante. 
https://rsf.org/en/worldwide-round-journalists-killed-detained-held-hostage-or-missing-2017
Il 2017 è stato l'anno meno mortale per i giornalisti professionisti negli ultimi 14 anni, ma il dato rimane terribile con 50 professionisti uccisi in tutto il mondo, 65 giornalisti in totale, secondo il rapporto annuale di Reporters Without Borders (RSF) pubblicato martedì 19

Dei 65 giornalisti uccisi, inclusi sette 'giornalisti cittadini' (blogger) e otto 'collaboratori dei media', 39 sono stati assassinati o intenzionalmente presi di mira e 26 hanno perso la vita nello svolgimento del loro dovere. 

Come l'anno scorso, la Siria rimane il paese più letale, con 12 giornalisti uccisi, prima del Messico (11), Afghanistan (9), Iraq (8) e Filippine (4) ). 

Se nel 2017 meno giornalisti sono stati uccisi nel mondo rispetto allo scorso anno (una percentuale in calo del 18%), dice RSF, ciò è dovutu a 'la crescente consapevolezza della necessità di proteggere meglio i giornalisti e la moltiplicazione delle campagne portate avanti in questa direzione dalle organizzazioni internazionali e dai media stessi'. 

Ma anche dal fatto che 'i paesi, diventano troppo pericolosi, se svuotati dei loro giornalisti'. 'Questo è il caso della Siria, dell'Iraq, dello Yemen, della Libia dove c'è un'emorragia della professione', dice l'organizzazione non governativa con sede a Parigi. 

Se i conflitti armati mettono in pericolo la vita dei giornalisti che coprono queste guerre, in paesi come il Messico 'i cartelli e la politica locale sono il terrore' costringendo anche molti giornalisti a 'Lasciare il loro paese o la loro professione'. 

'Il Messico è il paese in pace più pericoloso del mondo per i giornalisti', afferma RSF. 

Nel paese dei cartelli della droga, i giornalisti che si occupano della corruzione della classe politica o del crimine organizzato sono 'quasi sempre presi di mira, minacciati o giustiziati a sangue freddo'. Questo è stato in particolare il caso di Javier Valdez Cardenas, un giornalista veterano di 50 anni, assassinato a freddo il 15 maggio nella città messicana di Culiacan. 

Strappato da un conflitto senza fine, la Siria, resta il paese più mortale per i giornalisti dal 2012. 

'Sul terreno, il pericolo è ovunque e i giornalisti, professionisti o no, sono costantemente esposti al fuoco di cecchini, ai missili o all'esplosione di un ordigno artigianale o di un attentatore suicida', riporta RSF. L'ONG sottolinea che i giornalisti locali sono i più esposti a causa della forte diminuzione dei giornalisti stranieri sul campo. 

Nel 2017, 58 giornalisti sono stati uccisi nel loro paese d'origine mentre sette giornalisti sono morti all'estero tra cui il francese Stephan Villeneuve e la svizzera Véronique Robert uccisi il 19 giugno in Iraq. 

RSF rileva che dieci donne sono state uccise quest'anno, rispetto alle cinque dell'anno scorso. 'La maggior parte di loro aveva in comune di essere giornalisti investigativi esperti e combattivi, dalla penna affilata', citando l'autobomba del 16 ottobre della giornalista maltese Daphne Caruana Galizia. 

Oltre a quelli assassinati, RSF ha registrato un totale di 326 giornalisti incarcerati, tra cui 202 giornalisti professionisti, 107 blogger e 17 operatori dei media. 

Se la tendenza generale è in calo, alcuni paesi si distinguono al contrario da un numero insolito di giornalisti imprigionati quest'anno. Questo è il caso del Marocco dove un giornalista professionista, Hamid El Mahdaoui, quattro blogger e tre operatori dei media sono attualmente detenuti per la copertura della rivolta popolare che nella regione del Rif dalla fine del 2016. 

In Russia, 'cinque giornalisti e un blogger sono attualmente dietro le sbarre'. 

Ma è la Cina che detiene il primato di giornalisti imprigionati con 52 di loro sotto chiave, la Turchia (43), Siria (24), Iran (23) e Vietnam (19). Ad oggi, nota RSF, 54 giornalisti, tra cui 44 professionisti, sono tenuti in ostaggio principalmente da gruppi armati, come il Gruppo dello Stato Islamico con 22. 

Nessun commento: