mercoledì 12 luglio 2017

Quelli che bevono caffè vivono più a lungo.

Statisticamente, le persone che bevono da uno a tre tazze muoiono più vecchi, lo dimostrano due nuovi grandi studi. 

I benefici per la salute del consumo regolare di caffè, a lungo contesa, sono confermati da due nuovi studi, uno condotto in dieci Paesi europei e l'altro negli Stati Uniti. 

Si tratta di studi basati sulle osservazioni e non dimostrano le relazioni di causa ed effetto, avvertono i ricercatori e gli esperti. 

I risultati di entrambi gli studi, calcolati con i fattori di rischio quali il fumo, sono stati pubblicati lunedì nella rivista medica Americana Annals of Internal Medicine

I consumatori di circa tre tazze di caffè al giorno, compreso il decaffeinato, sembrano avere una speranza di vita più lunga rispetto a quelli che non ne bevono, in base ai dati europei contenuti nello studio che ha analizzato ca. 520.000 uomini e donne con più di 35 anni, seguita dalla indagine dell'Agenzia Europea per l'indagine sul cancro (EPICcon sedi e ricerche anche in Italia) per 16 anni. 

"Abbiamo riscontrato che l'aumento del consumo di caffè è collegato a un minor rischio di mortalità per qualsiasi causa, in particolare da malattie circolatorie e dell'apparato digerente", dice Marc Gunter della Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro e uno dei principali autori dello studio

É il progetto più vasto mai realizzato in Europa sugli effetti sulla salute e la longevità del caffè, bevanda più bevuta al mondo, con circa 2,25 miliardi di tazze al giorno. 

"Questi risultati sono stati simili in dieci paesi europei con diverse abitudini e culture", prosegue Marc Gunter. Lo studio "offre anche importanti approfondimenti su possibili meccanismi alla base degli effetti benefici del caffè", escludendo la caffeina. I ricercatori sottolineano che Il caffè è particolarmente ricco di antiossidanti importanti per prevenire il cancro. 

Il secondo studio è stato condotto negli Stati Uniti su più di 185.000 adulti di ogni provenienza, con età da 45 a 75 anni, per un periodo medio di sedici anni. 

Gli autori hanno riscontrato un legame tra l'aumento del consumo di caffè e un minor rischio di mortalità per malattie cardiovascolari, respiratorie, renali, cancro e diabete. 

In particolare, le persone che hanno bevuto una tazza di caffè al giorno mostravano il 12% in meno di rischio di morire durante il periodo di studio rispetto a quelli che non ne bevevano, un livello che è salito al 18% per coloro che ne consumavano tre tazze. Come nello studio europeo, gli effetti sono risultati simili con il caffè decaffeinato. 

"Non si può dire al pubblico che la bevanda caffè prolunghi la vita, ma se ne può vedere un collegamento", ha detto Veronica Setiawan, professoressa di medicina preventiva presso l'Università Southern California e autrice principale di questo lavoro. 

Circa il 75% degli adulti negli Stati Uniti beve caffè, il 50% tutti i giorni. Marc Gunter, lo studioso europeo, tuttavia, usa toni un po' più sfumati: "Dato che questi sono studi osservazionali non dimostrano il nesso causale, non si può in questa fase consigliare di bere più o meno caffè". 

Ma "i nostri risultati suggeriscono che il consumo moderato fino a tre tazze al giorno, può avere effetti benefici per la salute", aggiunge. 

L'analisi dei biomarcatori metabolici in un sottoinsieme di 14.000 partecipanti allo studio europeo ha inoltre affermato che i bevitori di caffè hanno un fegato sano. 

Per il professor Elio Riboli, Amministratore  presso l'Imperial College di Londra, che ha partecipato a questo lavoro, "i risultati dello studio europeo rafforzano chiaramente il crescente numero di indicazioni che suggeriscono che il caffè non solo è sicuro, ma può avere effetti protettivi

Anche se sono necessarie ulteriori ricerche, possiamo dire che i risultati di questo ampio studio europeo confermano i risultati delle ricerche precedenti nel mondo". 

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha cessato nel 2016 di classificare il caffè come cancerogeno legato al cancro della vescica ed ha anche detto che questa bevanda riduce il rischio di tumore uterino e del fegato. 

Nessun commento: