martedì 25 luglio 2017

Il Primo paese ad inventare la moneta sarà il primo a sbarazzarsene.

La Cina è il paese che ha inventato la carta moneta, questa va progressivamente scomparendo. Sarà il primo paese a sbarazzarsene? 

http://www.pulse.ng/world/payment-solutions-china-cashing-out-as-mobile-payment-soars-id7034947.htmlUna corsa in taxi, le tasse scolastiche o un semplice mazzo di ravanelli ... Non c'è più molto che i cinesi non paghino con il proprio telefono cellulare, tanto che la carta meneta potrebbe essere eliminata proprio dalla Cina che l'ha inventata. 

In uno dei  mercati en plein air di Pechino, Yang Qianqian fa la scansione del codice a barre che le dà un commerciante utilizzando il suo  telefono cellulare. In un battere di ciglia l'affare è fatto e la giovane donna, che studia danza, si allontana con i sacchetti di plastica pieni di pere, patate e anguria. 

"Ho contanti con me, ma non sono molto comodi quando si è fuori e si indossano borse", dice la studentessa, mentre smanetta il telefono, Qianqian e i suoi connazionali hanno già quasi tutto il loro tempo a portata di mano. 

Nelle grandi città, il pagamento 'mobile' è onnipresente. Solo nell'ultimo anno, il valore dei beni acquistati dai dispositivi mobili è triplicato ed ha raggiunto quasi 5000 miliardi di euro (due volte il nostro beneamato debito pobblico), secondo iResearch

Un'espansione ampiamente supportata in Cina dal vigore del commercio elettronico, mentre i consumatori evitano sempre più i canali tradizionali di vendita. Basta un paio di clic per il proprio ordine a distanza, da casa o dall'ufficio, come un pranzo o il biglietto d'aereo. 

"É molto probabile che la Cina diventi nel prossimo decennio, una delle prime se non la prima società senza contanti" pronostica Ben Cavender, direttore della società di ricerche di mercato China Market Research Group. Dice anche che il mercato dei pagamenti mobili in Cina è già da 40 a 50 volte più grande rispetto al suo equivalente negli Stati Uniti. 

Il paese ha due giganti dei pagamenti mobili, che hanno, centinaia di milioni di utenti: Alipay, filiale di Ant Financial, di proprietà del gruppo di e-commerce Alibaba, e Wechat Pay, una filiale del servizio di messaggistica Wechat della società Tencent. 

Il mobile-payment è così ben inserito che in alcuni ristoranti a Pechino non accettano più banconote. Taxi, venditori ambulanti e parrucchieri spesso mostrano i codici QR che i clienti dovranno solo scannerizzare per regolare la transazione. 

Insomma, il denaro contante, che ancora rappresentava il 61% del valore dei pagamenti nel 2010, dovrebbe vedere la quota di caduta al 30% in Cina nel 2020, prevede la Better Than Cash Alliance, sostenuta dalle Nazioni Unite per aiutare il passaggio ai pagamenti elettronici, in particolare nei paesi poveri. I cinesi si sono spostati più rapidamente al pagamento mobile tanto che la carta di credito ha avuto molto poco tempo per stabilirsi nel paese dopo la sua diffusione negli anni 2000. 

I più anziani, tuttavia, sono a volte riluttanti all'uso del portatile. "Il denaro liquido è più conveniente perché sto invecchiando e non riesco a vedere molto bene", dice un commerciante sessantenne di strada. Deve a volte accettare i pagamenti elettronici, perché molti clienti non hanno denaro contante con sé. 

Con il loro successo, Alibaba e Tencent cominciano a guardare all'estero, al mercato dei turisti cinesi all'estero. Tencent appena iniziato una collaborazione, all'inizio di luglio, con la Wirecard tedesca per lanciare Wechat Pay in Europa, mentre Alipay è già disponibile. 

La sicurezza dei pagamenti mobili, tuttavia, è motivo di preoccupazione, i malfattori si sono dati da fare ed  hanno avuto l'idea di sostituire i codici a barre reali con i falsi per rubare i dati degli utenti e svuotare i loro conti bancari. 

Ansiosa di promuovere il consumo e l'uso dei servizi finanziari, le autorità stanno cercando "il giusto equilibrio tra innovazione e regolamentazione", secondo Better Than Cash (già cit.).

Nessun commento: