giovedì 27 luglio 2017

Come schiavi preparano le strutture della coppa del mondo 2018.

"Come prigionieri di guerra": i nordcoreani preparano la Coppa del Mondo 2018 in Russia. 
https://www.theguardian.com/football/2017/jun/04/like-prisoners-of-war-north-korean-labour-russia-world-cup-st-petersburg-stadium-zenit-arena#img-2
Per costruire gli stadi che ospiteranno la Coppa del Mondo 2018, la Russia ha assunto lavoratori della Corea del Nord in condizioni "prossime alla schiavitù", dice il giornalista dell'Observer (TheGuardian), che ha condotto l'indagine. 

Nel mese di febbraio, durante la cerimonia di collaudo e apertura dello stadio Zenit Arena a San Pietroburgo, i 10.000 spettatori potevano vedere auto da corsa, numeri acrobatici e spettacoli di danza, come anche un orso ammaestrato, presentato come "il più grande eroe della Russia". Ma durante questa cerimonia patriottica, nessuno si è ricordato che dopo la fase iniziale, quando la Russia ha dato inizio alla Confederations Cup, tutto è stato costruito principalmente da lavoratori immigrati provenienti dall'Asia, compreso uno dei paesi più repressivi del mondo, la Corea del Nord. 

Un subappaltatore in forma anonima parla di almeno 190 nordcoreani "oppressi" durante i lunghissimi giorni senza permesso, tra agosto e novembre dello scorso anno. Uno di loro, un uomo di 47 anni, è morto sul posto. "Questi ragazzi hanno paura di parlare con la gente, osserva l'imprenditore. Non hanno rapporti con nessuna persona. Sembrano prigionieri di guerra". 

Un dipendente di una società della Corea del Nord che manda i lavoratori in Russia ha detto all'Observer che in un cantiere edile a San Pietroburgo gli uomini erano spesso al lavoro per lunghi giorni e che hanno dovuto pagare una parte del loro stipendio al regime di Pyongyang per "contribuire alla difesa del paese", compreso il suo programma di armi nucleari. 

Decine di migliaia di lavoratori nordcoreani in Russia spesso lavorano in "condizioni prossime alla schiavitù", secondo Marzuki Darusman, relatore speciale delle Nazioni Unite sui diritti umani nella Repubblica popolare democratica di Corea. Le aziende che li assumono sono "complici di un sistema inaccettabile di lavori forzati". 

Anche se una legge approvata in Russia nel 2013 esenta i datori di lavoro dei cantieri della Coppa del Mondo da gran parte delle garanzie del Codice del lavoro russo, il lavoro dei nordcoreani allo stadio chiama in causa l'impegno della Fifa e Mosca nei confronti dei diritti umani nei preparativi per il torneo. 

In una dichiarazione generale in risposta alle domande sull'uso del lavoro nordcoreano, la Fifa ha detto all'Observer che ha monitorato le condizioni dei lavoratori migranti e "continuerà a seguire tutte le accuse relative alle violazioni dei diritti umani". [... vedi The Observer]

Nessun commento: