sabato 3 giugno 2017

L'assicurazione contro 'Mano morta e palpeggiamenti'

Sempre più uomini sono falsamente accusati di molestie in tutto l'arcipelago. 
https://mainichi.jp/english/articles/20170529/p2a/00m/0na/008000c
In Giappone, dove i treni per pendolari o la metropolitana spesso possono rappresentare un incubo per le donne e le ragazze adolescenti, una compagnia di assicurazioni prevede un suo contratto per gli uomini "falsamente accusati di molestie". 

L'incremento netto del numero di titolari della polizza assicurativa, 6400 yen (poco più di 51 euro) per anno, che comprende questo servizio è stato causato da una recente serie di incidenti di forte impatto mediatico in cui gli uomini sono stati sospettati di aver "importunato" delle passeggere fuggendo poi lungo i binari. Così dice la società con sede a Tokyo. 

Per affrontare questo flagello nelle ore di punta, il Giappone ha lanciato campagne televisive e di stampa con manifesti mentre le ferrovie stanno progettando nelle ore di punta delle carrozze riservate alle donne. 

Questa politica assicurativa creata nel 2015 dalla società, di basso costo e breve termine (Small Amount and Short Term Insurance company), copre gli infortuni domestici, stradali e altre caratteristiche e, come copertura, un bonus per le spese legali per 48 ore di uomini accusati di 'carezze e gesti sgraditi', dice il quotidiano Mainichi. La hotline consente di contattare avvocati che esercitano nel luogo del presunto attacco ed è molto popolare tra i contraenti di questa politica. 

I nuovi contratti, 50 nell'ultimo mese, sono stati centinaia fino al mese scorso, dice la società. "É impossibile sapere se uno sta per essere accusato di tali atti", dice al giornale il capo della società Shoji Sugimoto. "Siamo qui per fornire assistenza silla questione alle persone preoccupate da questo". 

Nel 2006 un professore della Scuola di Medicina della Difesa Nazionale si era appellato alla sentenza di condanna fino alla Corte Suprema ottenendo l'annullamento della sua pena di 22 mesi di prigione. 

Nessun commento: