venerdì 10 marzo 2017

Il nostro cugino di Neanderthal era dipendente dall'aspirina.

I ricercatori hanno scoperto che l'homo neanderthalensis conosceva le proprietà anti-infiammatorie e analgesiche delle piante. 

http://www.nature.com/news/neanderthal-tooth-plaque-hints-at-meals-and-kisses-1.21593Gli uomini di Neanderthal, i cugini scomparsi, si erano già nutriti di "aspirina" 48.000 anni fa. Mangiavano infatti i pioppi che rilasciano una sostanza con proprietà anti-infiammatorie e analgesiche, secondo uno studio pubblicato mercoledì. 

Questa scoperta è stata fatta da un team internazionale di ricercatori che hanno studiato il tartaro dentale di quattro fossili di Neanderthal, trovati in Belgio (Grotta di Spy) e in Spagna (sito di El Sidron) datati tra 42.000 e 50.000 anni. 

La placca è un vero pigliatutto: cattura i microrganismi della bocca, i patogeni del sistema respiratorio e digestivo, ma anche piccoli pezzi di cibo bloccati nei denti. Una volta mineralizzati sui denti, diventano tartaro. 

"L'analisi genetica del DNA 'bloccato' nella placca dentale è un osservatorio unico sullo stile di vita dei Neanderthal", dice Laura Weyrich, dell'Università di Adelaide (Australia), principale autrice dello studio pubblicato sulla rivista Nature. La scala fornisce informazioni sulla dieta di questi uomini preistorici, la loro salute, l'impatto ambientale sul loro comportamento. 

Per i ricercatori, "la più grande sorpresa" è venuta dallo studio del tartaro di un giovane adulto di Neanderthal trovato nella grotta di El Sidron (nord-ovest Spagna). Soffriva di un ascesso dentale ancora visibile sulla sua mascella. L'analisi del suo tartaro mostra che fu colpito anche da un parassita intestinale (Enterocytozoon bieneusi) che causa diarrea grave. 

Questo uomo, malato, aveva mangiato del pioppo, i cui germogli sono "noti per contenere alte concentrazioni di antinfiammatori o antidolorifici, in particolare la salicina" metabolizzati in acido salicilico (aspirina) dal nostro fegato, dice Bastien Llamas, co-autore dello studio. 

Il DNA della muffa Penicillium, che produce naturalmente l'antibiotico penicillina era anche presente nel tartaro. "L'uomo di Neanderthal aveva familiarità con le piante medicinali, loro anti-infiammatori e anti-dolorifici, e sembrano essersi auto medicati" dice il direttore dell'Australian Centre for Ancient DNA (ACAD) presso l'Università di Adelaide. 

L'analisi del DNA corrobora uno studio pubblicato nel 2012 sulla rivista Naturwissenschaften, che aveva ipotizzato che i Neanderthal avrebbero utilizzato le erbe medicinali come la camomilla o l'achillea per guarire. Lo studio fu basato sull'analisi chimica del tartaro dei fossili di Neanderthal trovati lì, a El Sidron. 

Nello studio pubblicato mercoledì, gli scienziati riferiscono anche di essere stati in grado di individuare la sequenza quasi completa di un batterio molto simile all'oralis Methanobrevibacter, che causa periodontite (infezione della gengiva e dell'osso). di 48.000 anni fa, il più antico genoma microbico decifrato. 

l'uomo di Neanderthal, del genere Homo, come l'uomo moderno, apparve circa 300.000 anni addietro in Eurasia e si è estinto circa 30.000 anni fa. 

Nessun commento: