domenica 26 febbraio 2017

I 'Fiocchi di neve', la nuova generazione di sinistra. Li deridono così.

http://www.notey.com/blogs/snowflakes
"SNOWFLAKES - FIOCCHI DI NEVE", il nuovo modo di insultare statunitense. Per i seguaci di Trump, i 'fiocchi di neve' sono i giovani di sinistra, lamentosi, opprimenti e troppo politicamente corretti. 

https://www.collinsdictionary.com/it/dizionario/inglese/snowflakeLa "Snowflakes Generation", diventata adulta nel 2010, "è percepita come meno resistente e più propensa a sentirsi insultata rispetto alle generazioni precedenti". Questa è la definizione di questo termine, in senso dispregiativo, del dizionario inglese Collins.  

É ora utilizzato negli Stati Uniti dai conservatori e sostenitori del presidente Donald Trump per deridere gli avversari di sinistra, ritratti come allergici e lamentosi sulla libertà di espressione. 

I "fiocchi di neve" sono così sensibili e fragili da squagliarsi quando ascoltano il discorso di un antagonista. Durante la grande conferenza annuale della CPAC (Conservative Political Action Conference 22-25 febbraio) dei conservatori americani vicino a Washington, alcuni workshop informavano gli studenti, provenienti da tutto il paese sulla militanza in un clima sempre più "politicamente corretto". 

"Essere conservatore sul campo, è come quando prima si era gay", dice Max Örtengren, 23 anni, vice presidente dei repubblicani della Florida Gulf Coast University. "Abbiamo paura di fare il nostro 'coming out'". 

Questa guerra culturale ha generato un nuovo vocabolario. Minoranze di studenti hanno preteso, negli ultimi anni, "aree protette" ("safe spaces") nei campus, dove le intolleranze fossero vietate. Altri sostengono la necessità della diffusione di avvertimenti ("trigger warnings - raccomandazioni, manuali"), se le idee espresse in un corso o in un evento possono offendere qualche sensibilità. 

Queste precauzioni sono assimilabili, per i difensori conservatori della libertà di espressione, al rifiuto del dibattito e ad un tentativo di mettere la museruola ai dissenzienti ed alle opinioni minoritarie tra gli studenti. 

Max spiega che ha aspettato due settimane per promuovere nella sua scuola un evento con il gruppo di pressione pro-armi da fuoco, per timore che gli studenti di sinistra ne organizzassero un blocco. 

Chloe, 21 anni, si sta ancora riprendendo dall'invasione di un manipolo di studenti provocatori in una conferenza del conservatore omosessuale Milo Yiannopoulos, in un campus di Chicago, l'anno scorso, per denunciare il razzismo di Donald Trump. I manifestanti hanno preso il palco e costretto gli organizzatori ad annullare la riunione. 

"É completamente scivolato", si lamenta. In una delle sale del centro congressi, Casey Mattox relatore di un workshop dal titolo "Comprendere i propri diritti in un campus". "Il mio lavoro è quello di perseguire la vostra università in tribunale" dice. La sua organizzazione, in difesa dell'alleanza per la libertà, è specializzata nella libertà di espressione e di associazione di studenti cristiani, repubblicani, pro-armi e nell'attaccare le scuole sui loro regolamenti interni. 

"La sinistra che domina i campus, gode del vantaggio che ha sugli studenti e abusa del loro potere di indottrinare della sua ideologia socialista", dice ad una quarantina di studenti che frequentano la sua presentazione. L'avvocato è particolarmente specializzato nelle "zone delle libertà di espressione" definite dalle università, o pre consentite di volta in volta. Vanta 300 vittorie nei tribunali del paese. 

In una stanza attigua, Micah Pearce, uno studente dell'ultimo anno alla Liberty University, rinomato istituto evangelico, parla di tattiche di sostegno efficace: essere presenti sul terreno e non solo online, evitare nomi di uccelli, invitare oratori conservatori conosciuti e filmare ogni possibile contro-manifestazionei. Un po' di pubblicità non fa mai male. 

"Vogliono farci tacere", insiste. Dal momento della vittoria di Donald Trump, nel mese di novembre, i "fiocchi di neve" fioriscono e si moltiplicano.

Durante gli eventi anti-Trump, la responsabile della sua campagna elettorale, Kellyanne Conway, ha scherzato con i giovani, delusi della disfatta di Hillary Clinton, come "fiocchi di neve preziosi". Ma il disagio intorno allo sviluppo della cultura politicamente corretta si diffonde velocemente anche a sinistra. 

Nel settembre 2015, il presidente democratico Barack Obama aveva rimproverato gli studenti che cercavano di impedire che gli altoparlanti provocatori parlassero. "Non sono d'accordo con l'idea che gli studenti dovrebbero essere coccolati e protetti contro i diversi punti di vista", ha detto. "Se siete in disaccordo con qualcuno, dovete essere in grado di discutere con lui. Non tacete".

Nessun commento: