martedì 8 novembre 2016

L'inquinamento uccide più del tabacco.

Nell'ambiente, queste sostanze riducono la durata della vita, dicono i rapporti di due ONG. 
http://www.pureearth.org/
Green Cross e Pure Hearth danno l'allarme: più di 200 milioni di persone in tutto il mondo sono minacciate da inquinanti tossici nell'ambiente, in particolare nei paesi a basso reddito. Quasi 9 milioni di persone muoiono ogni anno, più che per gli effetti del fumo. 

Anche la malaria, l'AIDS e i disastri climatici combinati sono significativamente meno responsabili di tante vittime in un anno, hanno detto le due organizzazioni ambientali durante la presentazione di mercoledì 26 ottobre dei loro dati del 2016 relativi agli inquinanti tossici.

La conclusione è chiara: l'aspettativa di vita è gravemente minacciata dagli effetti di questi inquinanti in costante aumento. Il rapporto 2016 mostra un totale di 17,8 milioni di questi anni di vita (falciati), contro i 14 milioni nel 2015. sono i paesi a più basso e medio reddito i più colpiti: essi rappresentano il 94% dei più colpiti. 
Top Ten Polluting Industries 2016http://www.worstpolluted.org/
Green Cross e la Pure Earth hanno usato un indicatore per calcolare l'aspettativa di vita perduta (o il numero di anni di vita persi) vuoi a causa di morte prematura che disabilità o malattia correlata agli inquinanti. Questo è il DALY (Disability Adjusted Life Years) o speranza di vita correlato alla disabilità (DALY). 

Dieci fonti di inquinanti ambientali sono responsabili di 17'780'000 di anni di vita perduta, specificano Green Cross e Pure Hearth, secondo le indagini in 49 paesi. Il piombo è il leader degli inquinanti devastanti per il riciclo inadeguato delle batterie al piombo. É infatti responsabile di circa 4,8 milioni di questi anni di vita. 

Tuttavia, il piombo è facile da individuare e "non molto costoso" da decontaminare, dice uno dei responsabili di Green Cross. Con pochi soldi, si ottiene un buon risultato. 

Dopo quelle minerarie (2,6 milioni di anni DALY) e le fonderie di piombo (2,5 milioni), ci sono le concerie, al quarto posto in questa classifica. Infatti, la concia delle pelli genera scarichi di rifiuti di cromo pericolosi in grandi quantità nelle acque reflue. 

In generale, gli inquinanti che hanno gli effetti più tossici sugli esseri umani, "piombo, mercurio, cromo, cadmio e pesticidi" - sono legati, in qualche modo, "alla la nostra economia quotidiana". Anche la questione della radioattività che non riguarda solo i siti di estrazione, ma anche ospedali e industria. 

Si tratta quindi non solo di intervenire con i governi e le aziende, ma anche per riflettere sul nostro comportamento quotidiano. 

Possiamo dirci soddisfatti che il problema dell'inquinamento sia parte dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite fino al 2030. Si tratta di un primo riconoscimento a questa sfida e a coloro che ne portano avanti da tempo le istanze.  

Solo dieci anni fa, era ancora un non-problema. Non sapevamo ancora, o non ci rendevamo conto, del suo impatto sulla salute pubblica, su scala globale.  

Nessun commento: