giovedì 24 novembre 2016

La NASA invita a risolvere il problema della 'cacca' nello spazio.

Dopo quel che vi è capitato di leggere su queste colonne nei giorni scorsi si potrebbe pensare ad uno scherzo, visto che su internet si trova di tutto e di più e chiamarlo cacca sembrerebbe un eufemismo. 
https://www.nasa.gov/feature/space-poop-challenge
Certo, ci sono molte cose stupide su Internet. Ma a volte capita che la coesione degli utenti sulle piattaforme sociali dimostri una creatività sorprendente, tanto che la NASA sembrerebbe fare affidamento su questa per risolvere un rompicapo insolito: la cacca nello spazio

Il 17 novembre 2016. Gli astronauti Peggy Whitson, Oleg Novitskiy e Thomas Pesquet si preparavano a un volo di 48 ore verso la Stazione Spaziale Internazionale, senza essere in grado di poter andare in bagno come i loro predecessori, del resto. Un piccolo problema, certamente, per un Istituto di alto profilo, come la NASA, ma di grandi dimensioni per ognuno di questi astronauti, costretti a indossare i pannolini per le loro esigenze. 

Lanciato l'11 ottobre sul sito HeroX, il concorso "Spacepoop" (cacca spaziale) chiede agli utenti di Internet e alla loro creatività di trovare una alternativa più igienica. 

Non è richiesto continuamente di indossare la tuta spaziale per gli astronauti, ma è essenziale per le passeggiate spaziali. Pertanto, sia per la loro partenza nello spazio che per il ritorno sulla Terra, non lasciano il loro equipaggiamento per un periodo di 48 ore che può essere esteso fino a sei giorni, se le cose non vanno bene. 

Urina, feci e sangue mestruale, sono tanti i fattori che causano disagi oltre le 24 e sollevano gravi problemi di igiene, in particolare per le donne. Se consideriamo che questi rifiuti umani devono coesistere all'interno dello stesso ambiente qualche volta anche per sei giorni, pari a 144 ore, immaginiamo il forte disagio del vivere in questa esperienza disgustosa. L'idea? Trovare un modo per tenerli senza che entrino in contatto con l'astronauta e senza che quest'ultimo debba manipolarli con le mani. 

Se sei uno studente, un astrofisico o un lavoratore, siete tutti invitati a partecipare a questo concorso, aperto fino al 21 dicembre. Sappiamo che c'è un premio di 30.000 dollari in palio. forse vale la pena di perdere qualche minuto di riflessione. 

Nessun commento: