lunedì 24 ottobre 2016

Una TV noiosa, fatta per dormire. Napflix, un successo!

Due pubblicitari di Barcellona hanno inventato "Napflix" un canale che pretende di risolvere l'insonnia. 
É una versione spagnola, riveduta e corretta, di Netflix, servizio di video online, che offre contenuti ritenuti soporiferi: gare di bocce, rappresentazioni del lago dei cigni o un corso di fisica quantistica al fine di favorire il pisolino...

Se fosse stato in terra di Murgia avrei suggerito di collegarsi direttamente al canale 622 o ai filmati matrimonial-popolari che, ad onta di qualsiasi decenza, qualche politico locale si ostina a propinarci. 

Il sito "Napflix, piattaforma video  per la siesta", il cui nome si ispira alla famosa catena americana quotata in borsa, è stato messo in rete di recente. Con sessanta video da YouTube, è diventato rapidamente virale, ha detto uno dei suoi fondatori, Victor Gutierrez de Tena. 

Conto alla rovescia di ore, il video della pioggia che colpisce le finestre, il matrimonio delle sorelle maggiori del re di Spagna Filippo VI o documentario sulla vita dei panda: tutto è buono per dormire. 

Victor Gutierrez de Tena, un pubblicitario di 31 anni che lavora ad Havas presso Barcellona, ​​ha progettato questo sito gratuito durante un fine settimana con il suo collega Francesc Bonet, 41 anni. 

"Stiamo cercando monotonia e ripetizione", dice. "Questo deve essere il tipo di cose che ci ricordano l'infanzia, come i corsi universitari pomeridiani, dopo aver mangiato, o le serie TV dopo il pasto, che cominciano in un modo e continuano nello stesso modo ... Senza il rischio di perdere il filo, se ti addormenti". 

"L'idea è quella di rendere l'intrattenimento noioso" o "slow TV" dice divertito. Dietro alla battuta però si nascondono migliaia di visite ogni giorno, c'è anche, ammette, una sperimentazione pubblicitaria, concentrata sulla creazione di una strategia di mercato e un modo per creare una comunità di fan, ha spiegato. 

"Questa non è una campagna", ha detto assicurando di non aver speso o ricevuto un euro. Ma se così fosse, si potrebbe immaginare un "produttore di materassi" che cerchi di promuovere il pisolino per rilassare la mente. 

Si dovrebbe poi adattarlo ai diversi media (Facebook, YouTube,Twitter, ecc) e, infine, creare una "comunità" di appassionati. Un obiettivo raggiungibile se collegato ad un pisolino, un fattore culturale forte e un video già visto da milioni di utenti di Internet. 

Con o senza Napflix la "siesta" si è in gran parte perduta in Spagna, in contrasto con gli stereotipi sul paese. Solo il 16% degli spagnoli la pratica ogni giorno, secondo un costruttore di letti in un sondaggio nel 2009. 

Nessun commento: