sabato 1 ottobre 2016

Lo spray anti immigranti. L'UNHCR protesta

L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) si è detto, mercoledì, indignato per l'azione di un partito di estrema destra. 
http://edition.cnn.com/2016/09/27/europe/asylum-spray-trnd/
Sabato scorso 26 settembre, ad Haderslev (Danimarca sud), attivisti del Danskernes Party (Partito Danese) avevano distribuito 137 aerosol, una lacca per i capelli, con l'etichetta "Asil-Spray" per denunciare l'arrivo degli stranieri in Danimarca. 

"Alcune ragazze danesi non osano uscire la sera, in parte per la presenza ora in città di richiedenti asilo", ha dichiarato il capo di questa piccola formazione, Daniel Carlsen, giustificando l'auto-difesa come "efficace" e "legale". La controversia ha dato gonfiato le pagine dei media danesi, unanimemente critiche. 

Mercoledì scorso, l'Agenzia per i rifugiati delle Nazioni Unite ha condannato la distribuzione in un comunicato inviato alle agenzie di stampa: "... deplora vivamente che questo tipo di incidente avvenga in Danimarca, avente per obiettivo i richiedenti asilo e i rifugiati, persone che hanno già sofferto così tanto". "É un piccolo gruppo alla base di questo incidente e rappresenta solo una piccola parte del popolo danese", dice l'UNHCR. 

Haderslev città di 22.000 abitanti, ha un centro che attualmente ospita circa 140 richiedenti asilo, secondo la Croce Rossa danese. Nelle elezioni legislative di giugno 2015, un partito anti-immigrazione, il Partito del popolo danese è arrivato secondo con il 21% dei voti. Esso ha fortemente influenzato la politica del governo di centro-destra, nel tentativo di scoraggiare i migranti dal venire in Danimarca. 

Il Partito della Danimarca, ha denunciato la "immigrazione non occidentale" e vuole ritirare la cittadinanza danese a coloro che ne sono in possesso, si rende conto, tuttavia, del consenso minimo alle elezioni dove è riuscito a partecipare. 

Nessun commento: