lunedì 10 ottobre 2016

Le zebre sono indomabili. Ma perchè?

Questo equino africano, famoso per le strisce, non è mai stato addomesticato. Perché? 

https://theconversation.com/why-zebra-refused-to-be-saddled-with-domesticity-65018Le Zebre assomigliano ai cavalli in molti modi (o, per meglio dire ai pony, date le loro dimensioni). Ma mentre i cavalli sono stati addomesticati, le zebre sono rimaste allo stato selvaggio; ciò dipende dalle differenze fondamentali tra questi due animali. Come mai, allora le zebre sono sono riuscite ad evitare il destino delle bestie da soma o da corsa? E chi dei due, il cavallo o la zebra, ne è venuto fuori meglio, oggi?

Ovviamente, gli esseri umani hanno cercato di montarle e galoppare, sia per la novità chee per la loro somiglianza apparente con i cavalli. Racing Stripes (titolo italiano: Striscia - una zebra alla riscossa), film del 2005, racconta la storia di una giovane zebra che vuole partecipare a corse di cavalli - a parte il fatto che i realizzatori hanno dovuto girare alcune scene con un cavallo che ha doppiato la zebra (nelle immagini la coda tradisce il cavallo)

La criniera e la coda della zebra assomigliano più a quelle deglii asini, che riflettono l'evoluzione del gene dell'Equus. Sebbene cavalli, asini e zebre abbiano un antenato comune, l' Hyracotherium, vissuto in Europa e Nord America 55 milioni di anni fa, le differenze nei loro geni dimostrano che la zebra e l'asino sono più vicini tra loro piuttosto che al cavallo. 

Gli equini Nord Americani (gli equini che designano la famiglia del cavallo) sono scomparsi da 8000 a 10000 anni fa. In Europa e in Asia, l'uomo paleolitico ha viaggiato per le pianure a caccia di branchi di cavalli selvaggi senza sosta. I cambiamenti climatici, il rimboschimento e la caccia hanno progressivamente spinto gli animali nelle zone semi-desertiche dell'Asia centrale. 

L'antenato selvatico del cavallo domestico (Equus ferus) è stato addomesticato per la prima volta ad ovest della zona della steppa eurasiatica dove si è trovata la prima prova archeologica di domesticazione. Recenti studi dimostrano anche che i cavalli selvaggi hanno ingrossato le fila dei branchi di cavalli addomesticati mentre erano sparsi in tutta l'Eurasia. 

I cavalli sono stati addomesticati per la loro carne, ma il loro enorme potenziale per il trasporto, la comunicazione e la guerra ne hanno rapidamente fatto degli importanti alleati dello sviluppo e della civiltà. In Mongolia, la terra del cavallo, è sul suo fiero destriero che il guerriero leggendario Gengis Khan conquistò il territorio che si estendeva dall'Ungheria alla Corea e dalla Siberia al Tibet nel XIII secolo. 

Quindi, se il cavallo ha avuto un ruolo importante nella nostra civiltà, perché non è stato lo stesso per la zebra? I primi esseri umani apparvero in Africa, appare sorprendente che essi non abbiano cercato di sfruttare il potenziale della zebra, che abitava nelle vicinanze.

Diversamente dai cavalli eurasiatici, la popolazione della zebra africana era relativamente protetta e particolarmente adatto al suo ambiente. I cavalli sono erbivori e, come prede, tutti hanno sviluppato una potente reazione in caso di pericolo fuggendo o combattendo. Per sopravvivere in un ambiente popolato da grandi predatori come leoni, ghepardi e iene, le zebre sono diventate animali molto vivaci e reattivi, in grado di fuggire quando si confrontano con ilpericolo e che sanno anche come difendersi vigorosamente se catturati. 

Il calcio di una zebra può rompere la mascella di un leone. Può anche infliggere terribili morsi e ha un riflesso molto sviluppato che  impedisce a chiunque di coglierla rilassata: con reazioni di scatto / evitamento così potenti da poter essere state favorite dalla familiarità con zebre cacciatrici-raccoglitrici.

In sintesi, la zebra, non è molto attratta dalla specie umana, e non soddisfa i criteri per l'addomesticamento di una specie animale. Secondo l'esploratore e scienziato Francis Galton (parente di Charles Darwin), questi criteri esigono che l'animale abbia un gusto per il comfort, sia facile da curare, sia utile all'uomo e ne apprezzi la compagnia. 

Per Galton, la zebra è un esempio delle specie non domestiche. Si spiega così perchè i boeri, in Sudafrica, abbiano tentato più volte di sfruttare le zebre. Ma anche se a volte ci sono riusciti, la natura selvaggia e testarda dell'animale vanificava moltissimi tentativi. 

Anche se è possibile addomesticare una zebra isolata, questa specie non è un buon candidato alla addomesticazione. Oltre alla natura intrattabile della e un potente istinto di sopravvivenza, il fatto che si trattasse di un "alimento del leone" l'ha forse resa meno attraente ai primi umani. 

L'addomesticamento e l'allevamento selettivo hanno certamente trasformato le caratteristiche fisiche e comportamentali del cavallo, che in origine era probabilmente più piccolo, più selvaggio e più vicino alla zebra di quanto non lo sia oggi. Anche se i cavalli spesso fanno un duro lavoro, vivono in ambienti più urbanizzati di quelli delle zebre e fanno ciò che il proprietario chiede loro, vivono in sicurezza e si godono un po' di comfort. 

In realtà, l'addomesticamento li ha salvati dall'estinzione. Come una strategia di sopravvivenza, l'addomesticamento ha fatto anche molto bene alla popolazione dei cavalli, che ora raggiunge i 60 milioni di individui.

Da parte loro, le zebre sono ormai meno di 800.000, gli esseri umani sono la più grande minaccia per la loro sopravvivenza. La libertà è costata loro molto cara. 
____________
Vedi 
:
Why zebra refused to be saddled with domesticity 

Nessun commento: