lunedì 31 ottobre 2016

Graziati per la loro omosessualità. Post mortem.

Decine di migliaia di uomini, condannati in Gran Bretagna, quando l'omosessualità era considerata un "offesa al pudore", sono perdonati. 
https://www.theguardian.com/science/2013/dec/24/enigma-codebreaker-alan-turing-royal-pardon
Possono degli uomini condannati in passato per atti omosessuali essere perdonati, anche dopo la loro morte? Questo è il caso del Regno Unito, in cui la proposta di legge Alan Turing si è discussa in Parlamento il 21 ottobre, riporta il Times. Poi approvata. 

La legge, dal nome del crittografo britannico condannato nel 1954, prevede un perdono postumo per coloro che sono coinvolti, vale a dire gli uomini condannati per rapporti omosessuali tra adulti consenzienti, secondo il giornale: dei 50.000 colpiti, 15.000 sono ancora vivi. L'omosessualità, una "perversione" dell' "Occidente decadente" titolava Al-Jazeera qualche tempo fa (trad google). 

Alan Turing, un matematico che giocò un ruolo chiave nel rompere il mistero sul codice tedesco dei messaggi cifrati durante la seconda guerra mondiale, fu perseguito nel 1952 e scelse di sottoporsi a castrazione chimica, ricorda il Guardian. Nel 1954, si suicidò all'età di 42 anni. Nel 2013, cinquantanove anni dopo la sua morte, ebbe un perdono postumo reale. 

La BBC ricorda che solo nel 1976 l'Inghilterra e il Galles hanno depenalizzato gli atti omosessuali tra uomini. La Scozia ha seguito l'esempio nel 1980 e l'Irlanda del Nord nel 1982. 

Oscar Wilde, famoso scrittore condannato a due anni di prigione nel 1895, forse si perderà il perdono, dice l'Irish Independent: non è impossibile che Wilde abbia avuto "rapporti con ragazzi minorenni [...], nel qual caso non potrebbe beneficiare del perdono". 

Nessun commento: