lunedì 3 ottobre 2016

facebook filtra la nostra conoscenza del mondo.

Gli utenti che si informano sui social network rischiano di ricevere informazioni di parte, secondo gli esperti. 
http://labs.thebureauinvestigates.com/fake-news-and-false-flags/
L'ultimo esempio, la censura da Facebook qualche giorno fa per la famosa foto di un po' di napalm alla piccola vietnamita nuda bruciata in nome della sua politica contro la nudità dei bambini. Criticato in tutto il mondo, il gruppo statunitense ha ripristinato la foto e ha promesso di prendere in considerazione in futuro dello "status di icone" di fotografie storiche. Questa controversia ha rivelato la crescente importanza di Facebook come fonte di informazioni per la maggioranza degli utenti di Internet in tutto il mondo. 

Un sondaggio internazionale dell'Istituto Reuters mostra che il 51% delle persone in 26 paesi ricevono informazioni attraverso i social network, il 44% da Facebook, e il 12% hanno reso la loro fonte primaria di informazioni. In alcuni paesi, un utente su due ha consultato Facebook, in particolare sul cellulare, e può trascorrervi alcune ore alla settimana.

Nessuno degli 1,7 miliardi di utenti vedrà le stesse informazioni nel suo "flusso" (news feed), che raccoglie i messaggi di "amici": una miscela di commenti personali e di elementi condivisi, sia dai principali mezzi di comunicazione che da blog sconosciuti. 

Tra le migliaia di messaggi prodotti dai propri amici non si potrà leggere tutto: è l'algoritmo di Facebook che le piazza, a seconda delle loro classe, nella parte superiore. Mi riferisco a quelli che saranno visti, dato che un utente medio legge solo 200 dei 2.000 del suo flusso (thread) di messaggi. 

Gli utenti sono generalmente a conoscenza dell'esistenza e dei criteri di questo tipo, che sono cambiati incessantemente in 10 anni di esistenza. Nel mese di giugno, Facebook improvvisamente ha deciso di concentrarsi sui messaggi personali a scapito delle condivisioni degli articoli, diminuendo così la presenza dei media tradizionali.

In aggiunta alla timeline, l'ordine dei messaggi è determinato da tre criteri chiave, dice il sito:
  • le interazioni con l'autore e i suoi post precedenti (numero di "Mi piace"). 
  • il tempo di lettura, l'apertura dei link, commenti, condivisionioni ...), il tipo di supporto (video, ...) 
  • e la popolarità del post di altri utenti. 

Ogni volta che consultate la vostra pagina di Facebook, l'algoritmo ricalcola un "flusso" personalizzato: due persone con gli stessi 400 amici non avranno proprio lo stesso flusso (thread). Questo ordine personalizzato corrisponde a ciò che gli utenti scelgono manualmente di volta in volta, assicura Facebook, con degli studi a sostegno della tesi. Il successo sta proprio lì. 

A meno che Facebook non censuri: al contrario di contenuti in base al suo statuto (pornografia, nudità, violenza ...), che segnalati dagli utenti vengono poi rimossi - ad eccezione delle opere d'arte. Per la pedofilia e la propaganda terroristica, Facebook interviene d'ufficio


Un potere che turba gli ambienti politici e culturali. "Chi controlla Facebook?", ci si è chiesto nelle diverse tribune. "Chi controlla e, se è il caso, sanziona il filtraggio delle nostre esperienze da parte del gigante americano? - Nessuno!" Ci si lamenta e si addita una pericolosa "griglia di valori morali".

L'altra osservazione critica, è quella di una informazione senza gerarchia, che rinchiude i lettori nelle loro convinzioni. "Un sacco di persone visitano Facebook senza rendersi conto che si informano in questo modo. Nessuno vede la stessa cosa, mentre la home page mondiale è uguale per tutti", con una forte mancanza di trasparenza nell'algoritmo.


Il suo peso di come uno indaga può anche giocare un ruolo nell'approccio alle elezioni (americane, per esempio, ma anche referendum o eventi locali. "Si avverte ed è evidente la confusione nella gerarchia delle fonti di informazione tra media e blog", dicono gli esperti in comunicazione.


"Si trova anche una forte polarizzazione del contenuto consigliato da Facebook: cliccando su un determinato contenuto, dopo 8 giorni, si riceve solo articoli della stessa tendenza. 
__________
vedi anche:

Nessun commento: