domenica 16 ottobre 2016

15 droni per salvare la vita. Portano il sangue nelle zone impervie.

Il presidente Paul Kagame, in Ruanda, ha inaugurato venerdì la base di lancio di droni che trasportano sacche di sangue e vaccini negli ospedali. 
https://solvers.ups.com/how-drones-saving-lives-africa/
Il conto alla rovescia e il via dalla rampa, bianco con le ali rosse, il tipico ronzio del drone che si alza in volo verso l'ospedale Kabgayi, in Ruanda occidentale, situato a due chilometri di distanza. 

All'inizio della scorsa settimana, il Ruanda ha presentato alla stampa i suoi primi droni di base che saranno utilizzati per fornire lotti di sangue in 21 cliniche situate nella parte occidentale del paese. 

Questa base è situata a Muhanga, 50 chilometri a ovest della capitale ruandese Kigali (città dove nello stesso giorno vi è stato l'accordo tra 197 nazioni sul clima), inaugurata venerdì, alla presenza del presidente Paul Kagame. 

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l'Africa ha il tasso di mortalità materna più alto del mondo a causa di emorragie post-partum. L'accesso a trasfusioni di sangue è di fondamentale importanza per le donne del continente. 

Il Rwanda non fa eccezione e la topografia della "terra dalle mille colline" rende il percorso lungo e difficile su strada e per questo materiale vitale e deperibile, soprattutto durante la stagione delle piogge. 

Il sangue "è molto prezioso, quindi non è possibile conservarne semplicemente in grandi quantità in ogni centro per la salute" del paese, dice Keller Rinaudo, amministratore delegato della società Zipline Robot degli Stati Uniti, che ha progettato la base e i 15 droni che verranno utilizzati dal governo ruandese. 

Questo sistema "consentirà al governo ruandese di fornire immediatamente le trasfusioni di sangue vitali per ogni cittadino del paese in 15 - 30 minuti". 

Il progetto Zipline è condotto in collaborazione con l'alleanza internazionale Gavi creata nel 2000 per facilitare le vaccinazioni in tutto il mondo e la Fondazione UPS, che contribuito con 1.1 milioni di dollari (€ 1 milione) nel partenariato. 

Il governo ruandese provvede alla fornitura di queste sacche di sangue con la Zipline, spendendo più o meno l'equivalente del costo della consegna su strada, assicura l'azienda americana che non fornisce ulteriori dettagli.

I droni denominati "Zip" hanno la forma di un piccolo aereo largo circa due metri. Utilizzano energia elettrica con batterie che hanno una autonomia di circa 150 chilometri. Ogni drone pesa 13 kg e può trasportare un carico di circa 1,5 kg, pari a tre sacche di sangue.

Dopo essere stati lanciati, a 80 km/h in mezzo secondo, con un rampa di lancio, gli UAV possono raggiungere i 70 km/h in volo ed eseguire fino a 150 consegne al giorno in modo autonomo, le fasi del volo e i tragitti sono preimpostati nel dispositivo.

Sotto una tenda, i tecnici Zipline lavorano davanti a computer portatili e con altri dipendenti per assemblare piccole scatole di cartone rossi sormontati da paracadute in carta kraft, che contengono sacche di sangue che verranno sganciate dagli aerei a 20 metri di altezza dal suolo.

In prefabbricati bianchi, frigoriferi, congelatore e un miscelatore sono in attesa delle sacche di sangue, plasma sanguigno e piastrine. Dietro la recinzione che circonda la base e recintato di alberi di banana, decine di residenti curiosi si radunano incuriositi.

Nel 2017, una seconda base dovrebbe essere costruita permettendo ai droni di coprire tutti i 26.000 km2 dei piccoli paesi dei Grandi Laghi.

"Questi sono i voli che salveranno le vite", dice con entusiasmo Gregg Svingen responsabile per la comunicazione UPS. "Oggi è il sangue, domani saranno i vaccini", dice, spiegando che il progetto potrebbe essere esportato in altri paesi. 

Nessun commento: