mercoledì 23 marzo 2016

Sono a livelli record le emissioni di gas ad effetto serra

Il loro tasso è dieci volte superiore rispetto agli ultimi 66 milioni di anni, secondo uno studio. 

https://www.sciencedaily.com/releases/2016/03/160321123656.htm

Le emissioni di gas serra stanno evolvendosi a un ritmo senza precedenti, dieci volte superiori rispetto a quelli osservati durante i periodi di riscaldamento climatico in 66 milioni di anni, secondo uno studio pubblicato su Nature Climate Change

Questa velocità sta spingendo il mondo in un territorio estremamente pericoloso, avvertono i ricercatori. Si supera anche le perturbazioni climatiche che hanno segnato il passaggio di epoca dal Paleocene all'Eocene i56 milioni di anni. 

A quel tempo, le temperature globali sono aumentate di oltre il 5° C per effetto dei gas ad effetto serra (GHG), ma in un periodo di qualche migliaio di anni, eppure causando l'estinzione di molte specie, tra cui quelle oceaniche. 

Ma le emissioni attuali di origine umana (uso di combustibili fossili, in particolare) hanno già raggiunto 1° C sulla Terra a partire dalla Rivoluzione industriale, ed è annunciato un aumento di 3-4° C entro il 2100, se non si prenderanno misure drastiche. 

"Il ritmo delle emissioni è assolutamente critico", ha detto Andy Ridgwell, paleo-climatologo presso l'Università di Bristol, co-autore dello studio con i due colleghi della University of Hawaii e la University of California a Santa Cruz. 

Per poter stimare il tasso di emissioni nei 56 milioni di anni (di CO2, ma più probabilmente è venuto dal metano dal fondo dell'oceano), i ricercatori hanno studiato i sedimenti marini raccolti al largo del New Jersey. 

Al centro della loro analisi, gli isotopi di ossigeno (marcatori di temperatura) e carbonio (marcatori di GHG) che dimostrano che ci sono voluti 56 milioni di anni e molto lentamente. In questo caso, in 4.000 anni, circa un miliardo di tonnellate di carbonio all'anno. 

Al loro confronto, le attività umane attualmente rilasciano nell'atmosfera circa 10 miliardi di tonnellate di carbonio all'anno, dieci volte di più. 

"Stiamo assistendo al più rapido cambiamento climatico nei 66 milioni di anni", dice il prof. Ridgwell, sottolineando che gli ecosistemi sono più sensibili "al ritmo e all'importanza stessa del cambiamento di temperatura". 

Secondo lui, ciò che sta accadendo ora è paragonabile in termini di ritmo e velocità, agli eventi della fine del Cretacico, quando molte specie di dinosauri sono scomparse dopo la caduta di una cometa. Nel mese di dicembre a Parigi, 195 paesi si sono impegnati a ridurre il riscaldamento attuale "ben al di sotto di 2°", ma l'accordo deve ancora essere realizzato. 

Nessun commento: