sabato 26 marzo 2016

Fare un dono senza spendere niente. Gratuitamente.

Un giovane francese di 20 anni è capo di una start-up che aiuta i progetti umanitari, li finanzia senza spendere soldi. Grande il successo. 

http://www.goodeed.com/

Guardare per venti secondi una pubblicità in cambio di una donazione per un progetto umanitario. Questo è il concetto originale lanciato due anni fa da Vincent Touboul Flachaire (fb), un giovane francese, oggi ha 20 anni. 

Con il suo sito web, Goodeed, offre agli utenti la possibilità di finanziare azioni concrete - piantare alberi, vaccinare bambini, distribuire pasti - semplicemente visualizzando clip pubblicitarie durante almeno un terzo di minuto. Ad oggi, circa un milione e mezzo di euro sono stati raccolti, e circa 85 000 partecipanti a varie azioni. 

"win win win", una vittoria completa, dice il giovane alla testa di questa start up che oggi impiega sei persone. "Una ONG sostiene il progetto raccolta fondi; L'Inserzionista associa la propria immagine ad un'azione umanitaria e Internet sostiene la causa semplicemente permettendo di dare un po' del proprio tempo". 


In particolare, l'80% dei ricavi generati dalla visione di un video di pubblicità viene donato a progetti di beneficenza, tutti molto tangibili, il restante 20% è destinato al funzionamento della start-up. 

L'idea di Goodeed si è formata nella mente di Vincent Touboul Flachaire dopo aver letto il libro di Muhammad Yunus, (premio Nobel per la Pace nel 2006) "Il Banchiere dei poveri": "Sono sempre stato interessato al imprenditorialità e ho capito come la creazione di un'impresa non fosse più legata al profitto quale solo obiettivo, ma anche all'ottimizzazione del suo impatto sociale. Inoltre, la pubblicità è onnipresente nella nostra vita quotidiana. Ho pensato a come usarlo per scopi umanitari". 

Realisticamente, il giovane, ammette, che non mira a cambiare il mondo. "Cambiare il dono, è un inizio", dice. Perché, nel complesso, il 60% delle persone che donano hanno più di 60 anni. Su Goodeed, il 70% dei donatori sono al di sotto di 35 anni. "Abbiamo sbloccato un nuovo mercato del donatore", dice Alice Poligny, responsabile della comunicazione del giovane virgulto. 

Inoltre, per rassicurare i donatori sull'uso dei fondi raccolti, i creatori del sito, che ha appena compiuto 2 anni, regolarmente pubblica sul sito i resoconti e le foto che le ONG stanno raggiungendo sull'account Facebook della società.

Nessun commento: