sabato 6 febbraio 2016

L'ONU vieta a Parigi gli sculaccioni. Non solo

L'ONU chiede alla Francia di vietare "le punizioni corporali in tutti i contesti". 
La Francia dovrebbe proibire le punizioni corporali ai bambini, lo ha chiesto giovedi una commissione delle Nazioni Unite, la cui relazione sottolinea alle autorità francesi i temi che vanno dalla discriminazione contro i rom, gli immigrati malati e il trattamento dei bambini disabili. 
Status of ratification of the Convention on the Rights of the Child
Si tratta di raccomandazioni non vincolanti, in seguito al riesame della Francia presso la sedi delle Nazioni Unite a metà gennaio. 

Nel suo rapporto, il Comitato dell'Onu (CRC) per l'infanzia ha chiesto alla Francia "di vietare espressamente le punizioni corporali in tutti i contesti, anche all'interno della famiglia, nelle scuole, asili e luoghi di cure". 

Si è anche detto "preoccupato per i casi di maltrattamento dei bambini con disabilità negli istituti" e chiede che la tecnica del 'packing (imballaggio)" - che prevede che i bambini autistici siano avvolti in lenzuola bagnate e fredde - sia vietato. 

Su altri temi, il Comitato invita le autorità francesi a prendere "misure appropriate per garantire il diritto del bambino di conoscere i propri genitori biologici e fratelli", quando il bambino è nato sotto una X. Si raccomanda anche di "eliminare l'esigenza di consenso della madre biologica di rivelare la sua identità". 

In generale, il Comitato ritiene che la Francia abbia compiuto sforzi per combattere contro la discriminazione, ma rimane "in questione, tuttavia, la persistenza di discriminazioni fondate sul sesso, identità di genere, disabilità, origine nazionale, sociale ed economica o per altri motivi". 

Esprime inoltre la sua preoccupazione "per il persistere della discriminazione razziale e la stigmatizzazione dei bambini Rom". 

Inoltre, la situazione dei bambini migranti che chiedono asilo "è preoccupante ed inquietante", ha detto in una conferenza stampa uno dei membri del comitato, la marocchina Hynd Ayoubi Idrissi, indicando in particolare la "giungla" di Calais . 

Ha spiegato che la Francia aveva comunque adottato misure, "tra cui la circolare del Ministro dell'Interno, che raccomanda che i bambini migranti non accompagnati non siano detenuti, nè soggetti a misure di detenzione amministrativa". Ma, ha continuato, "c'è un 'gap' (divario) tra ciò che è stato richiesto dal Ministero dell'Interno e ciò che esiste sul terreno". 

"Sempre più bambini (migranti, ndr) sono in attesa della procedura amministrativa, posti in alberghi che non soddisfano gli standard minimi di protezione per i bambini", e non tutti hanno accesso ad un 'tutore' che li accompagni durante tutta la procedura di asilo, ha continuato. 

Questi bambini senza permesso di soggiorno, stanno sperimentando "le difficoltà nell'esercizio del loro diritto ai servizi sanitari", sottolinea il rapporto che ha anche criticato le sgomberi forzato dei bambini Rom e le loro famiglie, senza alternative di sistemazione.

http://www.lemonde.fr/societe/article/2016/02/04/droits-de-l-enfant-l-onu-tance-la-france_4859774_3224.htmlPur accogliendo con favore i recenti sforzi della Francia nell'affrontare le disparità nei dipartimenti e territori d'oltremare, il Comitato si rammarica che "le disuguaglianze" restano. Ha denunciato in particolare "la lentezza dei progressi nella riduzione del divario nel godimento dei diritti dei bambini nei dipartimenti e territori d'oltremare, in particolare in Guiana francese e Mayotte".

"Consapevoli del progresso che rimane da fare in base alle raccomandazioni del comitato, la Francia concentrerà gli sforzi nella sua politica in materia di diritti dei bambini", ha assicurato il segretario di Stato competente per i diritti dei bambini, in una dichiarazione. l'Haut Conseil de la Famille, de l'Enfance et de l'Age (CEPE), di recente creazione, che è l'osservatorio responsabile del monitoraggio di queste situazioni. 

Titola Le Monde:
La France, mauvaise élève des droits de l’enfant. (La Francia pessima allieva in materia di diritti  dell'infanzia

Nessun commento: