venerdì 22 dicembre 2017

Il flusso dei migranti potrebbe aumentare entro il 2100. Più di un milione per anno.

Uno studio scientifico stima che il numero di richiedenti asilo potrebbe raggiungere più di un milione all'anno entro il 2100. 

http://science.sciencemag.org/content/358/6370/1610L'accelerazione del riscaldamento globale potrebbe triplicare il numero di migranti che arrivano ogni anno nell'Unione europea entro la fine del secolo. Il fenomeno è alimentato da guerre e persecuzioni. 

Gli autori di questo studio, commissionato dalla Commissione Europea e pubblicato giovedì sulla rivista Science, stimano che il numero di richiedenti asilo nell'UE potrebbe raggiungere 1,01 milioni all'anno entro il 2100, se l'aumento delle temperature sarà forte influirà sui raccolti nei loro paesi d'origine, in particolare sulle colture di mais. La media degli anni 2000-2014 è stata di 351.000. 

Tra il 2000 e il 2014, prima della crisi migratoria del 2015 causata dalla guerra civile in Siria, il numero di migranti tendeva ad aumentare quando le temperature nei paesi di origine non favorivano la raccolta del mais, sottolineano i ricercatori. 

'Molte cose possono accadere entro la fine del secolo - i paesi possono diventare democratici, altri dittatoriali. Questa è la migliore stima possibile in questo momento', ha detto uno degli autori, Wolfram Schlenker, professore di economia alla Columbia University. 

La crisi migratoria è diventata una questione politica importante nell'Unione europea, principale destinazione di un gran numero di richiedenti asilo. 

In una conferenza dedicata ai rischi climatici e alla sicurezza, gli esperti hanno evidenziato il nesso tra cambiamenti climatici e flussi migratori, sulla base dell'esempio della scarsità d'acqua in Iraq. 

Lo studio pubblicato giovedì lascia altri ricercatori scettici, come Mike Hulme, professore di geografia umana all'Università di Cambridge. 

Gli autori 'notano che il loro modello matematico funziona solo con il mais e non con altre colture di base. Il mais non è un raccolto importante nella maggior parte dei paesi di origine dei migranti', dice Hulme, che si rammarica del fatto che gli autori non tengano conto di fattori come la repressione politica o la scarsa istruzione. 

Nessun commento: