venerdì 2 dicembre 2016

Le brutte emozioni restano, difficili da dimenticare. Non dormiamoci su.

http://www.news24.com/Green/News/dont-sleep-on-it-going-to-bed-mad-makes-it-worse-20161129Non dormiamoci su!

I ricordi di emozioni negative sono più difficili da dimenticare dopo una notte di sonno, secondo uno studio pubblicato martedì. 

 "Con il consolidamento (dei ricordi) che si svolge di notte, rapidi cambiamenti si verificano nell' organizzazione della memoria emotiva", dice un articolo pubblicato sulla rivista Nature Communications.

Il team di sette ricercatori, con sede in Cina, Stati Uniti e Regno Unito, ha chiesto ad un gruppo di 73 studenti di sesso maschile di memorizzare le associazioni tra coppie di immagini: fotografie che mostrano da una parte una faccia neutra e dall'altra immagini repellenti. 

Hanno poi mostrato di nuovo le facce, chiedendo loro di rimuovere volontariamente i ricordi negativi cui le avevano associate. La stessa attività è stata poi ripetuta il giorno seguente, con altre immagini. 

"I risultati hanno mostrato che i partecipanti hanno avuto più difficoltà nella rimozione di ricordi negativi dopo una notte di sonno", spiegano gli autori. 

Durante l'esperimento, hanno misurato l'attività cerebrale dei partecipanti. Questa ha permesso loro di osservare che "i circuiti neurali coinvolti nella rimozione delle memorie, inizialmente concentrati sull'ippocampo, è poi diventato più diffusa nel cervello, un cambiamento che sembra essere la causa che rende più difficile rimuovere i ricordi negativi". 

Precedenti studi sui test cognitivi avevano dimostrato che le persone potrebbero eliminare i ricordi volontariamente. Noi non conosciamo però l'influenza del sonno su questa capacità, sostiene Yunzhe Liu dell'Institute for Brain Research a Pechino. 

Questi risultati comportano anche che "ci possano essere ragioni neurobiologiche nella difficoltà di eliminare i ricordi e le emozioni negative nel caso di presenza di disturbi affettivi", come il disturbo da stress post-traumatico. 

Nessun commento: