martedì 23 agosto 2016

Questa sera a cena con degli sconosciuti

L'idea è quella di cenare dietro compenso da uno che ama cucinare, insieme ad altri sconosciuti che amano la buona cucina. Una trovata per socializzare, soprattutto in Svizzera, ma che si sta diffondendo rapidamente. 

http://www.positivelife.ie/2014/05/the-couchsurfing-of-eating-out-by-elva-carri/
Preparare la tavola per degli sconosciuti, ottenere una ricompensa per un importo di spesa all'altezza del portafoglio e vedere gli ospiti, poi, allontanarsi dal tavolo, eventualmente, con dei nuovi amici, questo è il concetto di siti come EatWith ("il futuro del pranzo") o SurfingDinner ("Mangiare intelligente, maniare socialmente"). Queste piattaforme internet permettono di uscire e mangiare fuori, ma non al ristorante. Una esperienza sociale e originale, con una lista degli ospiti improvvisata, in piena economia della condivisione. 

Leonard, 35 anni, tecnico informatico, ha provato l'esperienza come ospite di questo "Airbnb del pasto" - "Sono belga e sono arrivato a Losanna negli ultimi mesi". Dice di aver conosciuto il concetto di EatWith a Bruxelles e pensato "che sarebbe stato un buon modo per incontrare nuove persone". 

Il primo passo è sul sito. Proporre un menu, prezzo, una data per la cena e un numero massimo di ospiti. "Ho voluto giocare sulle portate, fornendo un pasto di cozze e patatine fritte in casa, degustazione di birra e gelato speciale. Ha funzionato abbastanza bene visto che in due giorni si sono registrati i miei quattro convitati", esulta Leonard. Il ristoratore improvvisato che ha fissato il prezzo della serata a 23 euro. 

Arrivo per la cena previsto per le 19, a Bruxelles, senza fare le cose a metà, sfoggia una camicia satirica alla Manneken Pis per accogliere il suo primo ospite. Marco, un italiano di 39 anni, che si rivelerà rapidamente il talento comico dei commensali. Nel cuore del quartiere popolare di Boveresses la serata presto è in pieno svolgimento. Lilliane e Severine due amici di Losanna, quarantenni, sono venute per imparare il concetto di temporary restaurant. 

"Ci piace uscire e incontrare persone, ma con la mentalità aperta. Parlarsi da un tavolo all'altro in un qualunque bistrot non accade quasi mai. Oggi, tutto si fa sui social network", afferma Séverine, che ha scoperto i tavoli di questa accoglienza effimera da word-of-mouth (passa parola). 

Le sublimi cozze di Leonardo, ben fatte e le patatine fritte, tagliate grossolanamente, vanno a ruba. Per quanto riguarda la birra, dopo l'Angelus e Barbar, ora gustano la Medievale. Alcol, guance rosse e il volume della conversazione sale intorno al tavolo, mentre il contenuto delle bottiglie si riduce velocemente. 

Marco imita l'accento del suo capo o la situazione di disagio all'interno della metropolitana e si sofferma sulle "stranezze" della Svizzera. Lilliane e Séverine ridono ad alta voce, non sapevano che nel prezzo, fosse incluso lo spettacolo. Leonardo è felice: qualche giorno dopo, Lilliane gli chiese di accompagnarla af una proiezione di un film all'aperto. 

Una di queste piattaforme, Surfing Dinner, è stata creata lo scorso anno da una coppia di Losanna. Il concetto di cibo famiglia ha grande successo: da ottobre 2015, sono stati organizzati circa 100 pasti. 

Il sito non gestisce il denaro. Gli ospiti remunerano l'host di persona. Così si evitano sorprese: un solo caso è stato segnalato di una persona che, dopo la prenotazione non è venuto a cena. 

Nessun commento: